Aggiornamenti settimanali: omaggio a Lello Bersani, cinema italiano al Sundance, le uscite

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Anche oggi per il nostro consueto appuntamento del martedì tante ghiotte notizie. Mettetevi comodi e iniziate la lettura!

Mercoledì 23 gennaio alla Sala Trevi un omaggio a Lello Bersani

 

 

 

 

È stato in assoluto il primo giornalista cinematografico nella storia della comunicazione televisiva. Non c’è stato un set, un film, soprattutto un festival dal quale le sue cronache, un vero e proprio must per tanti cronisti di oggi, non abbiano incuriosito il grande pubblico sui fatti, i protagonisti, le curiosità dai red carpet di tutto il mondo. La sua verve, una vera e propria lezione di stile giornalistico, tra cronaca e costume, da dieci anni si è spenta, ma gli archivi e soprattutto la nostra memoria non lo dimentica: il suo ritratto, e la foto di un’epoca, in collaborazione con il Sngci, nel film che gli ha dedicato Antonello Sarno. Ma L’uomo col microfono appare anche in un curiosi film, nel ruolo di se stesso (Il disco volante di Tinto Brass). E soprattutto di lui, il Bersani del “dolce cinema” di ieri e dell’altroieri, parlano colleghi, compagni di banco in redazione, autorevoli eredi. E ovviamente noi, i giornalisti del Sngci, con Antonello Sarno che a Lello ha dedicato un piccolo film prezioso per la nostra storia e tanti vecchi amici di Lello. L’uomo col microfono.

Ecco il programma dell’omaggio

ore 17.00 Comizi d’amore di Pier Paolo Pasolini (1965, 93’)

ore 19.00 L’uomo con il microfono di Antonello Sarno (2005, 40’)

ore 20.00 Incontro su Lello Bersani a cura del SNGCI

a chiudere la serata: Il disco volante di Tinto Brass (1964, 90’)

IL FUTURO film italiano al Sundance

 

 

 

 

Il futuro (The Future) di Alicia Scherson, film italiano girato a Roma, è la prima coproduzione tra Italia (con la Movimento Film di Mario Mazzarotto), Cile, Germania e Spagna, sarà presentato in concorso e in anteprima mondiale, al prossimo Sundance, il prestigiosissimo festival americano di Salt Lake City fondato da Redford. Al Sundance il film passerà il 19 di gennaio alle 17.30 e saranno presenti oltre alla regista, gli attori Manuela Martelli, Rutger Hauer e Nicolas Vaporidis.Alicia Scherson, pluripremiata regista cilena, vincitrice nel 2005, con Play, premio per la migliore regia al Tribeca Film Festival, ha diretto un cast internazionale: Rutger Hauer (Blade Runner, Ladyhawke, La leggenda del santo bevitore), Nicolas Vaporidis (Notte prima degli esami, Come tu mi vuoi, Femmine contro maschi), la cilena Manuela Martelli (già protagonista di Sonetaula di Salvatore Mereu), e il giovane italiano Luigi Ciardo (L’estate di Martino).Il futuro (The Future), è tratto dall’ultimo romanzo di Roberto Bolaño “Un romanzetto canaglia” (Sellerio Editore) ed è il primo e unico film tratto da un suo romanzo. Scritto dal grande autore cileno (in molti paesi si parla di bolano-mania) durante un soggiorno a Roma, è ambientato nella capitale italiana. E’ la storia di due fratelli adolescenti (Martelli e Ciardo) che, rimasti orfani improvvisamente, si addentrano progressivamente in una vista tra crimine e prostituzione spinti da due piccoli delinquenti (Vaporidis e Alessandro Giallocosta) che si fingono loro amici La speranza arriva personificata in Maciste ex stella del cinema (Rutger Hauer), vecchio e cieco, inutile e affascinante. Un uomo tutto muscoli e dal cuore grande che sarà in grado di far sentire Bianca al sicuro e farle vedere quella luce di cui la ragazza ha bisogno per affrontare il futuro. Dichiara la regista Alicia Scherson: “Questo film può essere visto come una nuova puntata nella saga di Maciste, dove la ragazza inerme alla fine sarà, come sempre, salvata. Questa volta però la ragazza dovrà trovare la via della salvezza da sola, dovrà abbandonare il suo eroe, scomparire e prepararsi per una nuova avventura. È anche un film sull’Europa moderna, caotica e apocalittica, vista dagli occhi di una famiglia di immigranti che al momento del bisogno non hanno nessuno su cui contare”.

Il nuovo film di Giorgio Diritti, Un giorno devi andare al Sundance Film Festival

Un giorno devi andare (There will come a day) il nuovo film di Giorgio Diritti è in concorso al SUNDANCE FILM FESTIVAL 2013 nella sezione WORLD CINEMA DRAMATIC COMPETITION, anteprima mondiale lunedì 21 gennaio 2013.Il film uscirà nelle sale italiane il 28 marzo 2013. Il film è stato girato in AMAZZONIA (Brasile) e in TRENTINO (Italia).

Il “Social World Film Festival” porta il cinema sociale italiano nella capitale tedesca

Il “Social World Film Festival” si prepara alla terza edizione. Continua il giro per le capitali del cinema mondiale con “Social in the World @ Berlin”.Dal 16 al 20 febbraio il direttore Giuseppe Alessio Nuzzo, grazie alla collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura, sarà nella capitale tedesca, a ridosso dell’importante Berlinale, per presentare le opere migliori delle passate edizioni del festival del cinema sociale.
Le opere dei giovani registi italiani saranno proiettate durante una serata di gala in programma il 19 febbraio presso l’Istituto Italiano di Cultura di Berlino. Le opere in scaletta sono state selezionate dalla direzione artistica tra le partecipanti alla “Selezione Ufficiale” della prima edizione del festival: “La Colpa” di Francesco Prisco (Italia, 12’), “Giganti” di Fabio Mollo (Italia, 20’), “DisAbili” di Angelo Cretella (Italia, 15’), “Io sono qui” di Mario Piredda (Italia, 20’) e “Il sospetto” di Giovanni Meola (Italia, 20’).
L’evento sarà arricchito dai monologhi teatrali dell’attore Yuri Napoli. Ad apertura e nel cuore della serata di gala, reinterpreterà scene tratte da film che hanno fatto la storia del cinema e poesie di grandi artisti italiani come Alda Merini e Stefano Benni, accompagnato dalle musiche registrate del Maestro Adriano Aponte e del Premio Oscar Ennio Morricone.

 Kusturica entusiasta del ‘Re della terra selvaggia’

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho appreso con grande gioia che la parte finale di “Underground” sia stata un motivo d’ispirazione per “Re della terra selvaggia” (Beasts of the Souther Wild) e sono orgoglioso di sostenere un regista che, con il suo lavoro e la sua creatività ha realizzato un’opera cinematografica di tale portata.” Così si è espresso Emir Kusturica sul film di Benh Zeitlin, il regista fresco di 4 candidature agli Oscar, che ha appena tenuto un workshop in Serbia all’International Film and Music Festival di Kustendorf fondato e diretto da Kusturica. Da Kustendorf il regista verrà direttamente domani a Roma, per presentare il film alla stampa e al pubblico in Italia (dove il film esce il 7 febbraio distribuito dalla Satine Film con Bolero Film), prima di ripartire per l’America in vista degli Oscar.

Grande affluenza di pubblico per la mostra su Tina Modotti al cineporto di Lecce

 

 

Con oltre 2mila presenze la mostra “Tina Modotti. Fotografa e Rivoluzionaria”, allestita al Cineporto di Lecce, ha ottenuto una straordinaria affluenza di pubblico.Le continue richieste di persone e di molti istituti scolastici, hanno spinto la Fondazione Apulia Film Commission a prolungare la pregevole esposizione delle opere dell’artista friulana fino al 22 febbraio 2013.L’esposizione, curata da Reinhard Schultz con la collaborazione della Galerie Bilderwelt di Berlino (fotografie di Tina Modotti) e il Center for Creative Photography di Tucson, Arizona, comprende una selezione di 80 opere dell’artista dal 1923 al 1930. La maggior parte delle opere riguarda il periodo messicano dell’artista, mentre la serie dei ritratti di della Modotti riguarda, invece, il periodo di Los Angeles e sono firmati da Edward Weston, inclusa anche una foto del periodo hollywoodiano sul set del film “The tiger’s coat”. Nel corso dell’inaugurazione sarà proiettato il film “Tina in Mexico” di Brenda Longfellow. La mostra, è realizzata con al sostegno della Regione Puglia -Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo-, in collaborazione con la Fondazione Apulia Film Commission e Cineporti di Puglia (Lecce).

 Pubblicato il Bando di Concorso per corti, lungometraggi e documentari dell’11^ Edizione

 

 

 

 

 

Riprende, con la pubblicazione on line del regolamento e bando di partecipazione, l’attività del Levante Internazional Film Fest legata al concorso internazionale per corti, lungometraggi e documentari che si svolgerà durante l’undicesima edizione del Festival, il prossimo settembre 2013, presieduto da Mimmo Mongelli e diretto artisticamente da Gianluca Sciannameo.Tre le macro-sezioni entro cui le opere pervenute saranno suddivise: Custom (Lungometraggi), Experience (Corti o sperimentali), Investigation (documentari). Ciascuna sarà costituita di 10 lavori (i titoli selezionati saranno pubblicati sul sito ufficiale entro il 30 luglio 2013) tra i quali la giuria internazionale, composta da personalità del mondo del cinema, del giornalismo e della cultura, assegnerà il Premio al Miglior Film e le targhe per: Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura, Miglior Fotografia, Miglior Montaggio e al miglior Attore e migliore Attrice protagonista.L’iscrizione al Festival può avvenire online tramite Withoutabox (IMDB) o, in alternativa, tramite l’invio per posta della scheda di iscrizione (scaricabile assieme al regolamento sul sito istituzionale ) a LEVANTE INTERNATIONAL FILM FESTIVAL – Casella Postale n° 99 – c/o Ufficio Postale Succursale Bari 1 – Piazza Umberto 33 – 70121 BARI – ITALY.La quota di iscrizione (da un minimo di 25 euro a un massimo di 60 euro) varia a seconda della sezione per la quale si intende concorrere e della tempistica di iscrizione. Una richiesta di partecipazione tardiva comporterà un maggior costo.La scadenza per l’invio del materiale è fissata al 31 maggio 2013.

Giovedì cinema

Giovedì il cinefilo entrerà in seria crisi: sono in arrivo titoli di grande impatto infatti! Partiamo dal film in odore di Oscar Lincoln con Daniel Day Lewis nei panni del presidente USA che pagò con la vita il suo antischiavismo, segue una storia a metà tra la pellicola impegnata e il thriller, Flight con Denzel Washington: a seguito di un incidente aereo il comandante Whip Whitaker riesce a fare un atterraggio di fortuna e a salvare quasi ogni anima a bordo. Whip viene acclamato come un eroe, ma più cose si vengono a sapere, più le domande superano in quantità le risposte: chi o che cosa ha sbagliato e cosa è successo veramente su quell’aereo?Torna sulle scene Dustin Hoffman in Quartet: Cecily, Reggie e Wilfred, tre anziani cantanti d’opera, vivono in una casa di riposo per artisti. All’improvviso Jean, ex moglie di Reggie, arriva alla casa di riposo sconvolgendo l’equilibrio dei suoi ospiti. Quasi a  ridosso del  27 gennaio giornata della memoria esce In darkness di Agnieszka Holland: Leopold Socha, operaio addetto alle fogne e ladruncolo, vive a Lvov, città polacca occupata dai nazisti.L’uomo, in cambio dei soldi,  nasconde gli ebrei  nel labirinto di fogne che scorre sotto la città, ma quello che nasce come un bieco accordo economico si trasformerà presto in una vera e propria alleanza tra Socha e gli ebrei.Infine l’unico film italiano, il divertente Pazze di me con Loretta Goggi al cinema dopo oltre un  quarantennio: un ragazzo che si ritrova, unico uomo, a vivere in una famiglia di sette donne, una mamma, tre sorelle, una nonna, la badante della nonna e un cane, ovviamente femmina, cercando di sopravvivere e, allo stesso tempo, di difendere dalle grinfie delle donne della sua casa la sua fidanzata.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×