Intervista esclusiva per cinemio a Lucio Pellegrini

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Dopo aver pubblicato la recensione in anteprima del suo ultimo film, Figli delle Stelle, in questi giorni al cinema, è con grande piacere che vi presento il regista Lucio Pellegrini che ho contattato per un’intervista e molto gentilmente ha risposto alle mie domande sul suo ultimo film.

Il regista Lucio Pellegrini con Claudia Pandolfi

Il regista Lucio Pellegrini con Claudia Pandolfi

Lucio Pellegrini esordisce al cinema nel 1998 con E allora Mambo! (con Luciana Littizzetto, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu), cui seguono Tandem e Ora o mai più. Nel 2007 dirige la serie per la tv I liceali e nel 2009 Non Pensarci la serie per Fox TV con Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston e Anita Caprioli. Figli delle stelle rappresenta il suo ritorno al cinema. Ma passiamo subito alle domande:

Lucio, dopo 4 anni di serie per la televisione, peraltro molto apprezzati, sei ritornato al cinema. Qual è stata la molla che ha fatto scattare questa scelta?

In realtà la mia priorità e’ stata sempre il cinema, la televisione l’ho fatta nell’attesa di riuscire a finanziare il progetto giusto. Per fortuna in tv sono riuscito a girare serie cui sono molto contento, progetti di qualità.

Claudia Pandolfi, Giorgio Tirabassi, Fabio Volo e Paolo Sassanelli

Claudia Pandolfi, Giorgio Tirabassi, Fabio Volo, Paolo Sassanelli e Pierfrancesco Favino

Com’è nata l’idea del film?

L’idea nasce dall’osservazione della realtà, dalla percezione del disagio diffuso, del clima conflittuale che ci circonda. Dalla costruzione di personaggi immersi in questa realtà, per ottenere una commedia profondamente ancorata nel presente.

Nel film hai creato una squadra di attori eterogenea (da Favino a Volo, da Battiston a Sassanelli e Tirabassi) ma molto in sintonia tra loro: che criterio hai usato per scegliere ognuno di loro?

Ho cercato di mettere insieme attori di provenienza molto diversa, insieme a loro abbiamo trovato un’amalgama e una sintonia molto speciali. Gli attori sono stati una componente fondamentale del film. Senza il loro entusiasmo Figli delle Stelle non sarebbe mai nato.

I protagonisti del film

Una scena del film

Tra tutti questi uomini una sola donna: Claudia Pandolfi. Nella vasta gamma delle giovani attrici italiane come mai la scelta è caduta su di lei?

Conosco bene Claudia, e’ un’attrice con un talento molto speciale, in grado di passare dal drammatico alla commedia con grande naturalezza.

A cosa è dovuta la scelta della canzone Figli delle stelle di Alan Sorrenti, che dà anche il titolo al film?

Mi piaceva l’idea di quella canzone che evoca perfettamente un periodo speciale della nostra storia e l’infanzia dei protagonisti del film, perdenti e sognatori, anche loro un pò figli delle stelle. Sono personaggi non più giovani ma non ancora realmente adulti, il cui precariato è una loro condizione non solo lavorativa ma esistenziale.

Fabio Volo, Paolo Sassanelli e Pierfrancesco Favino

Fabio Volo, Paolo Sassanelli e Pierfrancesco Favino

L’accento dialettale di ognuno dei protagonisti maschili dà un tocco di comicità in più al film: era già nella sceneggiatura o è stato un lavoro di squadra fatto con gli attori?

Il personaggio di Toni doveva essere del nordest e la scelta di Fabio Volo coincide col mio desiderio di fargli fare al cinema un ruolo molto diverso da quelli che ha fatto finora. L’accento ternano di Favino e’ una sua proposta che ho accolto subito con entusiasmo.

Nel film, pur se in tono ironico, racconti l’insoddisfazione verso una classe politica che non è vicina alle esigenze del suo popolo. Credi che possa considerarsi lo specchio della nostra società?

Se c’è qualcosa che rappresenta la nostra società, sono gli abitanti del paesino della Valle d’Aosta in cui si ritrovano i nostri protagonisti, e i loro comportamenti collettivi.

Backstage del film

Backstage del film

Infine una curiosità sul film: quando ho chiesto a Lucio di raccontarmi qualcosa sulla fase delle riprese mi ha svelato che la lavorazione è durata 7 settimane e hanno trovato un grande freddo.

Prima di concludere invito tutti i lettori di cinemio ad andare al cinema a vedere Figli delle Stelle e faccio un in bocca al lupo a Lucio Pellegrini per il successo del fil e per i suoi progetti futuri.

2 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×