CICLO ALBERTO SORDI-Un giorno in pretura: arriva Nando Mericoni!

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Continua il ciclo dedicato a Sordi…questa volta parliamo della prima apparizione di Nando Mericoni in “Un giorno in pretura”

‘Un giorno in pretura’, un film a episodi

 

 

 

 

 

Siamo nel 1953 e Steno, vero nome Stefano Vanzina , padre del futuro regista da cinepanettoni Carlo e del regista meno famigerato Enrico,confeziona una deliziosa commedia ad episodi che ruota intorno alla figura di un austero ed integerrimo pretore interpretato da Peppino De Filippo, il vero e assoluto protagonista della storia. Il regista segue la sua giornata e i casi che nel corso delle ore gli vengono sottoposti. La vicenda quindi segue la regola aristotelica delle tre unità di luogo, azione e durata. La trama è anche un’occasione per fare una costruttiva critica verso la giustizia di ogni colore e ogni tempo  spesso impietosa e inflessibile che tende ad accanirsi con i poveri cristi per poi essere più che indulgente con chi invece non lo meriterebbe ma riesce però a gabbare e a venirne fuori  grazie a una maggiore furbizia. Ci si sofferma anche sulla scarsa considerazione che veniva data ai dipendenti del ministero della Giustizia che pur dovendo giudicare assumendosi quindi forti responsabilità ricevevano stipendi al limite della sussistenza, era infatti impossibile per il pretore guidare una utilitaria all’epoca costosissima.La sottile ironia che pervade il film si esprime anche nel nome proprio del pretore: Salomone, che richiama  il figlio del re biblico  Davide  re d’Israele a sua volta, famoso per il suo senso di equità.

Arriva l’Americano

Tra i vari episodi desta particolare interesse ed ilarità quello che vede come protagonista  un poco più che trentenne Alberto Sordi nei panni di Nando Mericoni, giovanotto perdigiorno che viene sorpreso a fare il bagno nudo in una “marrana”  cioè un acquitrino fangoso nella zona periferica romana. Anche stavolta il personaggio interpretato dall’attore è un coacervo di tic e clichés ( in questo caso è il tipico ragazzo poco colto affascinato dal mito americano assorbito solo attraverso il cinema e quindi del tutto distorto e personalizzato alla bisogna), tuttavia  Nando e le sue manie  colpiscono l’immaginario collettivo che ne decreta il successo tanto da indurre Steno a realizzare l’anno successivo un film con  Alberto Sordi protagonista e con  Nando Mericoni personaggio a tutto tondo.

Curiosità sul film

 

 

 

 

 

In origine,narra la leggenda,Sordi e il suo episodio non dovevano comparire nella pellicola che doveva limitarsi agli altri episodi più agrodolci con una strizzata d’occhio al neorealismo imperante anche nella commedia  , ma poi Steno,  amico personale di Sordi, accortosi dell’eccessiva brevità del film che rischiava di non superare neanche i canonici  sessanta minuti che classicamente definiscono la durata del lungometraggio , decise di proporre all’attore romano di intervenire e di partecipare così come attore e soggettista all’impresa.Fu così che Alberto ispirandosi all’abitudine dei giovani romani di bagnarsi nelle marrane “partorì” l’episodio che poi fu all’origine della sua nuova fortuna in qualità non solo di interprete ma anche come autore di cinema.

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×