Speciale anticipazione: Signor Gi Bi, il nuovo progetto di Nico Cirasola

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Il 12 maggio scorso, presso la libreria Feltrinelli di Bari, Nico Cirasola, regista del noto Focaccia Blues, ha presentato Signor Gi Bi, un corto sull’artista barese Gino Boccasile, creatore di tanti famosi loghi pubblicitari e della Signorina Grandi Firme. Insieme a lui i protagonisti Mingo De Pasquale, Luca Cirasola e il direttore dell’Apulia Film Commission Silvio Maselli.

Chi è il Signor Gi Bi

[ad#Feltrinelli]

Si firmava Gi Bi, all’anagrafe Gino Boccasile, artista barese nato nel 1901 e morto (per una bronchite) nel 1952. Cresciuto e ignorato nella sua città d’origine, Boccasile conquistò notorietà a Milano intorno al 1937 grazie alla creazione delle Signorine Grandi Firme che facevano da copertina al periodico Le Grandi Firme, edita da Pitigrilli e diretta da Zavattini.

Durante la Seconda Guerra Mondiale divenne grafico propagandista della guerra per il regime fascista  e per questo motivo fu arrestato e incarcerato per collaborazionismo. Ma quando la situazione politica cambiò, disegnò anche la prima immagine propagandistica della Polizia Partigiana.

Grande cartellonista, o come si direbbe oggi, grafico pubblicitario, fu autore di varie campagne di marchi noti come Amaro Ramazzotti, Borotalco Roberts, MIO, Yomo, Pasta Ambra (noto pastificio pugliese) ma anche disegnatore di illustrazioni e manifesti: sue le cartoline in occasione della prima Fiera del Levante o anche alcune copertine di Paris Tabou, noto periodico francese.

la locandina del film

la locandina del film

Il protagonista

Incuriosito da questo controverso personaggio, cui è intitolata una triste strada (senza uscita) che a Bari nessuno conosce, Nico Cirasola ha intrapreso una personale ricerca sulla sua vita, di cui, a parte le opere, sono rimaste poche informazioni. Ne è nato Signor Gi Bi, un corto di 19 minuti che segue l’artista per quarant’anni, dalla giovinezza fino alla notorietà. Nella parte di Cirasola, il reporter barese di Striscia La Notizia, Mingo De Pasquale. Sentiamo dalle sue parole come ha vissuto questa esperienza.

Il corto

Ambientato tra Bari, Corato e il lago di Garda, il corto è una via di mezzo tra un documentario e una fiction: avendo infatti a disposizione poche immagini di repertorio, Cirasola ha dovuto reinterpretare la vita dell’artista, lasciando però al film l’idea di una narrazione storica e non romanzata. Davvero belle le fotografie e le musiche e molto bravo Mingo De Pasquale nei panni del protagonista scanzonato e latin-lover, che per amore della sua arte e delle donne, si vende a chi può pagare le sue opere, rimanendo però fedele solo a se stesso. Nel cast presenti anche Nico Cirasola, Luca Cirasola, nei panni del giornalista che va in carcere ad intervistare l’artista, Marco Montingelli (Boccasile da giovane), Fanny Lamonica, Irene Marino, Stefania Porcelli, Marina Poli e Tiziana Gerbino con l’amichevole partecipazione di Flavia Vento e Ary Benoni Malquist.

Da sinistra Nico Cirasola, Luca Cirasola e Mingo De Pasquale

Da sinistra Nico Cirasola, Luca Cirasola e Mingo De Pasquale

Il futuro del film

Prodotto da Meditterranea Film con il contributo del Comune di Corato, Signor Gi Bi è stato finanziato dall’Apulia Film Commission, il cui direttore Silvio Maselli ha elogiato il progetto, come possiamo ascoltare in questo video

Realizzato con l’intenzione di produrne nel futuro una fiction televisiva, al momento la possibilità di vedere il corto è scarsa: Cirasola ha però promesso di inserirlo nella programmazione dell’Arena Ai Riciclotteri, a Bari, oppure a Corato, al cinema Elia, gestito dallo stesso regista. Ai lettori di cinemio ha poi lasciato un saluto speciale:

un saluto da Nico Cirasola

un saluto da Nico Cirasola

3 Comments

  1. Paola Biribanti
  2. antonio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×