Cose Serial: Fringe la serie tv che vale la pena di vedere

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Ricordi cosa successe tempo fa quando quasi in concomitanza uscirono The Prestige e The Illusionist? Il primo, capolavoro teoretico di Christopher Nolan, era una guerra di maghi che nascondeva un intenso quanto lucido pamphlet sulla dualità bene/male e realtà/illusione; che inevitabilmente oscurò la bellezza del secondo, con l’onesta regia di Neil Burger, storia d’amore tragica ed intensa ambientata in una nebbiosa Vienna di inizio secolo.

Storia che, per quanto ben raccontata ed emozionante, nulla poteva contro l’abissale profondità di pensiero del primo. Ecco cosa è successo con Lost: il serial, che definire di culto sarebbe riduttivo se non un insulto, ha riscritto non solo la grammatica televisiva quanto l’immaginario collettivo, innestando nel suo tessuto scienza, filosofia, religione, occultismo, parapsicologia, per creare una cattedrale maestosa quanto irraggiungibile.

Inevitabile che ogni altra cosa del suo creatore passi in secondo piano: dal pur riuscito (ma buttato via nell’ultima, importante stagione) Alias, fino ai vari Cloverfield e Star Trek per il grande schermo, per arrivare a Fringe, la serie tv.

Che cos’è Fringe?

di Gianlorenzo Franzì

fringe la serie tv

(ideato da J.J.Abrams, stagioni I/III, 70 episodi, 2009/2011, in corso)

Ed ecco il punto: Fringe è una serie tv, via di mezzo fra la complessa struttura narrativa a livelli di Lost e l’attrazione gravitazionale per il paranormale di X-Files, senza però essere pietra angolare come il primo né specchio dei tempi come il secondo.

Insomma paga lo scotto di nascere dopo questi capisaldi della narrativa per immagini contemporanea, passando quasi inosservato nel mare magnum della tv, mentre invece si eleva di almeno una spanna da tanta spazzatura presente nei palinsesti.

La storia di questa serie TV

Fringe è la storia dell’agente FBI Olivia Danham (una brava Anna Torv, forse fisionomicamente troppo simile a Cate Blanchett per essere credibile fino alla fine…), inizialmente impiegata per risolvere il mistero di un volo aereo finito misteriosamente in tragedia (ecco Lost che si affaccia timidamente….), per poi scoprire che quello non era altro che l’inizio di un arazzo iniziato ad essere intessuto anni prima e destinato a comprendere l’invasione della nostra Terra da parte di misteriosi alieni.

La trama si infittisce episodio dopo episodio, e prende il volo circa verso il nono episodio (The Dreamscape) della prima stagione, quando la trama verticale si innesta in quella orizzontale; fino a diventare elettrizzante attesa per ogni nuova puntata dopo il primo finale di stagione (There’s More Than One Of Everything), quando il quadro della situazione si fa un po’ più chiaro e finalmente capiamo che i 20 episodi a cui abbiamo appena assistito non sono (come in Lost…..) che l’inizio di una storia ancora da raccontare.

La forza e la debolezza di Fringe

È qui probabilmente il limite e la forza del serial, come detto sopra: non dire niente di nuovo, ma dirlo con una forza e un’intelligenza non comuni.  C’è un po’ di tutto, dall’ipotesi di complotto all’invasione aliena, dagli indizi impercettibile che ad Abrams piace disseminare qua e là (stavolta sono i “glifi”) fino a idee e personaggi presi in prestito dai fumetti (se l’Osservatore non vi dice niente, rileggetevi i Fantastici Quattro).

Senza contare la resa straordinaria degli effetti speciali, la sapiente gradazione di ogni ingrediente, e l’attenta costruzione dei caratteri che conta soprattutto uno scienziato pazzo originale e godibile come non se ne vedevano da tanto, troppo tempo, quel dott. Walter Bishop che ha le fattezze di un incredibile John Noble, capace di passare (e noi con lui) dal sorriso al pianto in un tremore di palpebra.

Certo, come le cose di J.J. Abrams, Fringe ha il difetto ad un certo punto di attorcigliarsi su se stesso fino a diventare comprensibile solo agli iniziati che hanno intrapreso il viaggio fin dall’inizio: ma credimi sulla parola, è un viaggio che vale la pena fare.

Tu cosa ne pensi di Fringe come serie TV? Parliamone nei commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×