“La luce sugli oceani” (2016) di Derek Cianfrance. Un film su un dramma morale.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

La luce sugli oceani è il nuovo film del regista statunitense Derek Cianfrance, già conosciuto dal grande pubblico per il film Come un tuono (2012). La sceneggiatura è stata tratta dall’omonimo romanzo edito nel 2012 della scrittrice M.L. Stedman, che suscitò un grande scalpore per l’argomento trattato, tanto da dividere molto le opinioni dei lettori su come determinate scelte nella vita possano essere giuste o sbagliate e cosa avresti fatto se ti fossi trovato in quella situazione. Il film ha partecipato all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

La luce sugli oceani

La luce sugli oceani

La luce sugli oceani

La luce sugli oceani parla del soldato, reduce di guerra,  Tom Sherbourne (Michael Fassbender) che accetta il lavoro di guardiano di un faro in Janus Rock, una piccola terra di nessuno, sperduta nel bel mezzo dell’oceano indiano, in cui si rifugia per cercare di riappacificarsi con la sua coscienza e senza dovere interagire con altre persone. Ma arrivando nella cittadina di Partaguese, incontra Isabel (Alicia Vikander), che diventerà sua moglie, accettando di vivere insieme a lui questo isolamento. La loro felicità iniziale, precipiterà con un evento che sconvolgerà la vita di entrambi, per l’arrivo inaspettato di una bambina.

Alicia Wilkander e Micheal Fassbender in una scena del film La luce sugli oceani

Alicia Wilkander e Micheal Fassbender in una scena del film La luce sugli oceani

Questo mare, sempre inquieto, rispecchia molto i sentimenti dei protagonisti. La natura influenza i loro umori,  e questo stato di disagio interiore molto forte, sembra riescano a percepirlo l’uno nell’altro fin dal loro primo incontro. Per prepararsi al ruolo, i due protagonisti hanno passato un mese intero in un isola sperduta, dove non esiste nulla, per poter carpire i ritmi sospesi di un tempo che scorre in maniera totalmente diversa. La fotografia realizzata da Adam Arkapaw, è davvero molto coinvolgente, e lascia che l’occhio goda di questi tramonti infiniti, dove non si riesce scorgere quella linea di confine  che divide il mare dal cielo.

rachel weisz La luce sugli oceani

Rachel Weisz in una scena del film La luce sugli oceani

Come tipologia di film, il regista si distacca molto dai suoi precedenti. E’ il suo primo film di costume, ambientato a metà del ‘900, dove la tematica principale è la genitorialità. Derek Cianfrance si è preoccupato di riuscire a rimanere il più possibile fedele al libro, ed ha incontrato la scrittrice solo dopo aver completato la sceneggiatura, per avere una sua opinione. In questo film si riesce a vedere la vicenda attraverso gli occhi dei tre personaggi. Micheal Fassbender, Alicia Vikander e Rachel Weisz sono davvero molto credibili, e riescono a coinvolgere lo spettatore, attraverso le emozioni, da cui non riesci a distaccartene.

Derek Cianfrance il regista di La luce sugli oceani

Derek Cianfrance il regista di La luce sugli oceani

Come nella novella di Pirandello Uno nessuno e centomila, non riesci a condannarli ne ad assolverli. L’unica pecca sono i commenti musicali realizzati dal premio oscar Alexandre Desplat, fin troppo drammatici. Sarebbe stato meglio talvolta una musica di contrasto che andasse ad alleggerire l’atmosfera.

La luce sugli oceani è uscito sugli schermi italiani con la distribuzione Eagle Pictures.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×