Visioni differenti: Giraffada

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

In terra palestinese, a due passi dal muro che li separa dagli israeliani, c’è uno zoo. Yacine, il veterinario che lotta ogni giorno contro la mancanza di medicinali e di tutto quello che è necessario per gli animali, ha un figlio adolescente, Ziad. Il piccolo, orfano di madre, ama piante e bestie, e sopratutto Rita e Brownie, le due giraffe che vivono nello zoo. Durante uno dei consueti bombardamenti, Brownie muore, e Rita, a causa della mancanza della sua amica, diventa inappetente.

Giraffada

 

Ziad è disperato, perde la fiducia in Dio e quella in suo padre. Per evitare il peggio, è necessario trovarle una nuova amica. Yacine, aiutato da una bella giornalista affascinata dal bel veterinario, si mette alla ricerca della giraffa, anche per recuperare il rapporto con suo figlio.

giraffa1

Rani Massalha, giovane regista francese di origini palestinesi, cerca di raccontare la violenza quotidiana della sua terra di provenienza con lo sguardo di un bambino. Il contrasto tra guerra e fiaba naturalistica emoziona e coinvolge gli spettatori, anche grazie all’ottima prova degli attori coinvolti.

giraffa2

La parte più riuscita del film riguarda il viaggio compiuto (da padre, figlio, e giornalista) alla ricerca della giraffa, anche se le tappe e gli incontri che si susseguono sono schematiche e semplicistiche.

Giraffa + Intifada = Giraffada

Evidente è la metafora dello zoo, con i suoi animali reclusi e a rischio, come la popolazione palestinese, sotto attacco continuo e privati della libertà di movimento. La giraffa è il simbolo più azzeccato: con il suo lungo collo è capace di guardare oltre il muro. E il dolore di Rita per la perdita del suo compagno è paragonabile a quello del veterinario (e di suo figlio) per la scomparsa della moglie, e madre di Ziad.

giraffa3

Massalha cerca per tutta la pellicola il coinvolgimento emotivo dello spettatore, mettendo in risalto il rapporto padre/figlio sullo sfondo dell’occupazione israeliana e della resistenza palestinese. Ma Giraffada (titolo che gioca sulle parole giraffa e Intifada) è una favoletta, e i tentativi di renderla più importante e politicamente significativa, sono assolutamente goffi. Com’è goffo l’utilizzo della computer graphic per “trasportare” le giraffe in terra palestinese.

giraffada4

A peggiorare il nostro giudizio contribuisce un dubbio: finora a nessuno era stato concesso di filmare un vero check-point israeliano, molti registi di fama sono sempre stati costretti a crearne uno in studio. Se questo “privilegio” viene concesso ad un simpatico pischello come Rani Massalha, per giunta al suo primo zoppicante lungometraggio, i sospetti che si tratti quanto meno di un “protetto” aumentano a dismisura.

dikotomiko

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×