Alla ricerca di Dory: le follie di una sbadata pesciolina chirurgo che sogna di ritrovare la sua famiglia

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Alla ricerca di Dory, una nuova avventura per il mondo acquatico firmato Disney Pixar: una nuova favola tutta da ridere…

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory: la trama

La pesciolina chirurgo Dory, a un anno di distanza dal ritrovamento del piccolo Nemo e in circostanze del tutto casuali, ricorda di aver smarrito i suoi genitori e, con essi, la sua infanzia. Così, in un batter d’occhio è pronta letteralmente a tuffarsi dal “Salto nel blu” per andare alla loro ricerca e ricomporre la sua famiglia. Ma c’è un problema: Dory soffre di perdita di memoria a breve termine e non può assolutamente compiere questo viaggio da sola. Ad accompagnarla saranno i suoi fedeli amici Marlin e Nemo.

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

I tre pesciolini si mettono in viaggio e arrivano in California. Ma i guai non tardano ad arrivare: Dory si ritroverà in quarantena presso l’istituto oceanografico (ad accoglierci ci sarà la voce di Licia Colò!) dove stringe amicizia con lo scorbutico (ma dal cuore tenero) hoctopus di nome Hank, ritrova la sua amica d’infanzia Destiny (uno squalo balena miope) e conosce Bailey un beluga in piena crisi esistenziale perché afferma di aver perso la sua capacità di ecolocalizzazione. A loro volta Nemo e Marlin “faranno amicizia” con uno strampalato pennuto di nome Becky che, al momento opportuno, saprà come aiutarli.

Dopo tantissimi colpi di scena, trovate esilaranti e battute a non finire il film d’animazione (come ogni cartone Disney che si rispetti) non può non finire con il classico happy end e il trionfo dei buoni sentimenti, dell’amicizia e della famiglia.

Il trailer

Il film

Tredici anni dopo l’uscita del fortunatissimo film d’animazione Alla ricerca di Nemo ecco che la Disney Pixar tenta di nuovo il colpo con il suo spin off nonché sequel: Alla ricerca di Dory. Così, Andrew Stanton (questa volta in compagnia di Angus MacLane) cura la regia di questo divertente film inserendo alcuni nuovi personaggi quali i genitori di Dory, il beluga Bailey, il polpo Hank e lo squalo balena miope Destiny (e quindi è proprio vero che Dory parla il “balenese”!).

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

Il regista e gli animatori creano un “cast” perfetto per fare da coro ai tre protagonisti più affiatati che mai. Ma la vera protagonista è Dory, o meglio, la sua perdita di memoria che diviene spunto di battute, motivo di scherno ma anche di riflessione e di analisi. Dory, infatti, è ben consapevole di questo suo “difetto”, di questa sua fragilità e sarà grazie a questa avventura (e alle affettuose del razionale Marlin) che si rende conto della sua unicità e di come il suo essere, così sopra le righe e così felicemente e inconsapevolmente incosciente, la renda assolutamente speciale.

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

Va anche detto, però, che il film pecca di alcune ripetizioni. Infatti, la vicenda pare essere la stessa – seppur al contrario de Alla ricerca di Nemo. Infatti, se in quest’ultimo era il padre ad andare alla ricerca del figlio qui è un figlio (anzi, una “figlia”) ad andare alla ricerca della propria famiglia.

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

Inoltre, nel film non mancano i richiami emotivi e sperimentali legati ai personaggi di Inside out ai cui viaggi nello spazio della mente qui si contrappongono i numerosi flashback di Dory che, certamente, stimoleranno la fantasia e la mente stessa dei più piccini (e non solo!). Ma si riscontra anche una lontana parentela del polpo Hank con il Randall di Monster & Co. Entrambi, infatti, hanno la medesima capacità di mimetizzazione seppur con una differenza fondamentale: se Randall era perfido e sinistro questo hoctopus è un burbero dal cuore d’oro (anzi, come natura vuole, ha ben tre cuori) e “solo” tanto spaventato dai bambini.

Alla ricerca di Dory

Alla ricerca di Dory

Certamente Alla ricerca di Dory farà felici i più piccoli ma anche il pubblico più adulto grazie anche al bellissimo e puntuale doppiaggio di Luca Zingaretti (Marlin), Carla Signoris (Dory), Stefano Masciarelli (Scorza), Gabriele Meoni (Nemo), Francesca Manicone (Destiny) e Ambrogio Colombo (Baley).

Perciò, non fate come la pesciolina chirurgo: non dimenticate che Alla ricerca di Dory, distribuito dalla Walt Disney Company Italia, vi aspetta al cinema dal 15 settembre.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×