Qualunquemente: la recensione e foto e video della conferenza stampa

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Nuova recensione in anteprima dei nostri instancabili collaboratori. Oggi ci parlano dell’ultimo film di Antonio Albanese, Qualunquemente, da domani al cinema. Recensione di Daniele Meloni, fotogallery e video della conferenza stampa di Pasquale Mesiano.

La locandina del film

Qualunquemente

Dopo quattro anni di esilio forzato in Sud America, Cetto La Qualunque (Antonio Albanese) ritorna nel suo amato paese Marina di Sopra, e sorpreso dalla troppa legalità decide di cambiare le cose salendo in politica e candidandosi al ruolo di sindaco. Antonio Albanese decide di portare sullo schermo cinematografico con l’aiuto del regista Giulio Manfredonia, con cui aveva lavorato nel film E’ già ieri, uno dei personaggi più amati dal pubblico degli ultimi anni, l’ imprenditore calabrese, ingnorante e disposto a tutto per una vita solo pilu e cemento!

Daniele: se la realtà supera il film

La sfida non si presenta molto facile, infatti attore e regista ammettono che il progetto parte molti anni fa e anche ora in fase di uscita la scommessa è alta, in tv come a teatro i tempi sono molto compressi e la comicità deve essere immediata e ficcante, ma qui pur avendo un ora e quaranta di film il lavoro è stato fatto con molta cura, dovendo costruire intorno a Cetto tutto quello che non si è mai visto: famiglia, paese e amici.

Il contorno invece risulta molto efficace, il paese è la rappresentazione tipica di uno stereotipo del sud dove si costruisce senza senso e dove si perde quasi l’identità della propria storia, gli abitanti del paese si dividono tra chi segue Cetto nella sua corsa alle elezioni, ricorrendo a qualsiasi cosa e un altra parte, quella che non si vede, ma che forse spera in un futuro migliore.

Una scena del film

Altro personaggio rappresentativo quello di Jerry Salerno, interpretato da Sergio Rubini, uno spindoctor un pò alternativo che conosce tutti i segreti per una campagna elettorale perfetta, nato a Bari ma che non ammette la sua origine e scimmiotta parlata e comportamenti di un tipico manager milanese.

Il film ha un rapporto continuo tra realtà e surreale e Albanese riesce perfettamente a mantenere questo equilibrio emozionale, e soprattutto nel rapporto con lo sprovveduto e sfortunato figlio Melo (Davide Giordano) ci si sente quasi in imbarazzo per come questo personaggio possa approfittarsi di chiunque.

Una scena del film

A fine proiezione si prova una sensazione strana: forse le risate sono meno di quelle previste da un film del genere, ma la colpa non è assolutamente di Albanese, forse la finzione di Cetto La Qualunque è stata superata da una realtà politica italiana oramai imbarazzante.

La conferenza stampa

La fotogallery

One Response

  1. Antonella Molinaro

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×