Si gira in Puglia: Non me lo dire

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Uscirà a marzo 2012 il film Non me lo dire, interamente girato in Puglia. Diretto dal regista Vito Cea, alla sua prima esperienza nel lungometraggio, il film ha come protagonista il comico pugliese Uccio De Santis ed è stato presentato qualche giorno fa al cineporto di Bari.

Per cinque settimane Uccio De Santis, noto comico pugliese, insieme al regista Vito Cea ed al resto del cast ha girato in lungo ed in largo la Puglia per le riprese del film Non me lo dire di cui è protagonista. Per l’occasione, al Cineporto di Bari, sede dell’Apulia Film Commission che ha in parte finanziato il progetto, si sono svolte due conferenza stampa, una di inizio ed una di fine riprese.

Da sinistra: Vito Cea, Mia Benedetta, Uccio De Santis, Silvio Maselli, Aylin Prandi, Nuccio Altieri e Nando Paone

Il primo ciak

In occasione del primo ciak in terra di Puglia, in conferenza stampa erano presenti, oltre al protagonista ed al regista, gli attori Mia Benedetta, Aylin Prandi, Nando Paone, Gianni Ciardo, il direttore di Apulia Film Commission Silvio Maselli, il vicepresidente della Provincia di Bari Nuccio Altieri ed il Sindaco di Margherita di Savoia Gabriella Carlucci.

L’idea del film

Così ha raccontato Uccio De Santis la nascita del film:

L’idea è nata 3 anni fa con il produttore esecutivo Mario Coppotelli con il quale siamo andati al Ministero per ottenere i finanziamenti. Con Vito Cea c’è una collaborazione di oltre 10 anni per un prodotto televisivo che è Mudù (programma televisivo in onda su Telenorba n.d.r.) per cui interpellarlo è stato inevitabile.

Vito è al suo primo lungometraggio ma questo non è un problema vista l’esperienza che abbiamo nel Mudù, nel quale ogni barzelletta è un piccolo film di 5 minuti. L’idea è nata da me, che sono protagonista e produttore, ma la sceneggiatura è stata scritta da Antonio De Santis, mio fratello. Il film uscirà in tutta Italia grazie a Bolero anche se, ovviamente, sarà distribuito maggiormente in Puglia.

Il cast

Nel video che segue Uccio De Santis presenta i protagonisti del film, in particolar modo le due protagoniste, presenti alla conferenza, Mia Benedetta e Aylin Prandi

La storia

In questo video invece De Santis racconta un pò la trama del film. Nel cast è presente anche Gianni Ciardo che ha anche collaborato alla colonna sonora del film.

I commenti dei protagonisti

Ecco alcuni commenti di chi era presente alla prima conferenza stampa

Silvio Maselli:

E’ un film che attraversa la Puglia da nord a sud e da est ad ovest.

Nuccio Altieri:

E’ un film a kilometro zero, nasce da una produzione pugliese e con un cast quasi tutto pugliese. Per di più è la prima volta, dopo la ristrutturazione, che il nuovo Teatro Petruzzelli torna sul grande schermo.

Mia Benedetta:

Silvia, il mio personaggio, è una donna che si sente trascurata, che le salta il nervo facilmente ma ha tutte le ragioni. Io sono di origini pugliesi, anche se nata e cresciuta a Roma. All’inizio ero un pò preoccupata di inserirmi in un gruppo già affiatato invece mi sono sentita accolta come in una famiglia.

Ailyn Prandi:

Avevo tanta voglia di fare una commedia e finalmente ci sono riuscita. Sono molto contenta di partecipare a questo film.

Nel video che segue invece possiamo ascoltare i commenti di Nando Paone:

La fine delle riprese

Terminate le riprese c’è stata un’ulteriore conferenza stampa finalizzata anche a tirare le somme sul lavoro effettuato. Con la verve che gli è congeniale, Uccio De Santis ha dato ‘i numeri‘ del film:

5 settimane di preparazione, 30 giornate di lavorazione (altre 5 settimane), 31281 mt di pellicola consumati, 32 location toccate, 8 multe accumulate, 5 punti sulla patente tolti al sottoscritto, 4000 bottigliette di acqua consumate, 70 pillole di aulin o moment, 2 incidenti.

Non me lo dire è un film on the road abbiamo toccato i Trulli, la Capitanata, la zona mare e Castel del Monte. Molti mi hanno accusato di protagonismo. Io non mi sento la star della Puglia, ho fatto il mio lavoro rimboccandomi le maniche e continuerò a farlo fino a quando la gente continuerà a chiamarmi e seguirmi in televisione.

La forza di questo film è anche la presenza di tanta gente comune. Probabilmente quelli saranno forse i momenti più comici del film. Molti mi chiedono: sei triste che è finita? In realtà non lo sono. Se è andato tutto bene, andremo al montaggio, poi al cinema e se sarà un successo saremo pronti per un secondo film.

Mi fa piacere annunciare che verso fine dicembre il film sarà presentato al Festival di Miami, grazie al supporto dell’Onorevole Carlucci che ha intrapreso un gemellaggio di Miami con Margherita di Savoia.

Un’altra cosa mi preme sottolineare: grazie a Mudù sono diventato famoso per le barzellette. Nonostante quindi viva di barzellette, e mi sarei potuto quasi sentire autorizzato ad inserirne nei dialoghi, ho scelto di non farlo, a differenza di quanto accade in tanti altri film. Però vi assicuro che ci sono tanti momenti comici.

Per concludere, ecco gli interventi del regista Vito Cea e della protagonista Mia Benedetta, nel primo video, e, nel secondo, qualche battuta scherzosa di Gianni Ciardo:

di 5 minuti

One Response

  1. Giulia

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×