Lezioni di cinema: una chiacchierata con Margherita Buy – Prima parte

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Tra gli ospiti del BIF&ST 2013 c’era anche, per presentare il suo ultimo film diretto da Sergio Rubini (Mi rifaccio vivo), l’attrice Margherita Buy che ha intrattenuto il pubblico con tanti aneddoti interessanti.

L’attrice Margherita Buy

La carriera di Margherita Buy

Margherita Buy, classe 1962, dopo la maturità classica ha frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico dove si è diplomata. Successivamente ha iniziato una lunga carriera teatrale ed ha esordito al cinema nel 1986. Così parla dei suoi esordi:

Margherita Buy: C’erano tante attrici che quando ho cominciato io non avevano un ruolo interessante, c’era sempre da fare la spalla di un attore, di un comico, che faceva da padrone sulla scena. Avevi la sensazione di essere un pò inutile nella storia. Io mi sono invece trovata fortunatamente (ed il motivo non lo saprò mai) a condividere spesso la scena con attori importanti, comici o meno. E’ andato sempre tutto abbastanza bene, persino adesso che mi sento “una vecchietta” riesco ancora ad ottenere dei ruoli importanti che mi piace fare, perchè mi piace rappresentare la donna a tutte le età.

L’attrice Margherita Buy

E’ una grandissima soddisfazione, raccontare ancora delle storie nonostante il cinema, spesso, giustamente perchè si rivolge ad un pubblico giovane, prediliga attori giovani. Ci sono temi, come l’amore, i problemi di lavoro, che si raccontano quando si è giovani. Con la mia maturità ho avuto la fortuna di incontrare personaggi ancora più belli perchè le persone con cui mi capita di lavorare non pensano solo in un modo forse troppo solito e si sforzano anche di creare delle situazioni, delle storie che riguardano diverse età.

Margherita Buy è il volto simbolo di una generazione di cineasti che hanno rilanciato il cinema italiano, come racconta in questo video

Rubini, Verdone, Ozpetek, Luchetti sono i registi con i quali la Buy ha lavorato di più. Qual è il rapporto con loro? E quando la regista è donna cambia qualcosa? Nel video la risposta dell’attrice che ironizza anche su un suo possibile futuro da regista (“Mi pare di capire che l’idea della regia non ti sfiori nemmeno” “Ma non ci penso proprio!“)

La maternità

Margherita Buy è diventata madre nel 2001 quando ha concepito una bambina, Caterina, avuta dal compagno, il chirurgo Renato De Angelis. Il tema della maternità è però sempre stato molto presente nei film da lei interpretati (Lo spazio bianco, Fuori dal mondo ecc). Come mai? La risposta in questo video nel quale racconta l’esperienza con Giuseppe Piccioni sul set di Fuori dal mondo.

Che tipo di mamma è Margherita Buy? La risposta in questo video nel quale ironizza anche sui personaggi da lei interpretati, spesso ansiosi, nevrotici, grazie ai quali è nato anche un personaggio in Boris – il film, Marilita Loy, a lei ispirato:

I film

Come sceglie i film da fare o da non fare? Quanto conta la presenza di un regista?

Margherita Buy: Mah io penso che ormai i film che non faccio non me li offrono proprio più, nel senso che un pò si è capito che genere di film mi piace fare quindi poteva capitare prima, adesso… oddio ci sono delle cose a cui magari rinuncio, quando mi sembra di tradire in un certo senso quello che sono, che voglio fare o rappresentare. Quando mi sembra qualcosa che non corrisponde esattamente al mio modo di essere, di pensare, di voler trasmettere alle persone, io non lo faccio. Poi mi è capitato di fare anche dei film che magari non avrei fatto ma c’erano dei registi con cui io avevo già lavorato e con cui mi piaceva lavorare, che non avevano scritto una storia che mi interessasse così tanto ma l’ho fatto perchè c’erano questi registi. Ma la prima cosa sono le storie e spesso le storie che mi piacciono sono scritte da persone che mi piacciono. Quindi ormai è abbastanza facile. Sarà difficile se non me ne offrono più.

Margherita Buy con il critico Franco Montini

Termina qui la prima parte della lezione di cinema di Margherita Buy. Continua a leggere la seconda ed ultima parte.

2 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×