Hill of Vision – il film biografico di Roberto Faenza sul premio Oscar Mario Capecchi

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Hill of Vision è un film italiano di genere drammatico del 2022 per la regia Roberto Faenza con protagonisti Laura Haddock e Edward Holcroft. La pellicola uscirà in sala il 16 giugno 2022 distribuito da Altre Storie.

Il film è il racconto biografico della vita del premio Nobel (2007) per la medicina Mario Capecchi ed è stato presentato in anteprima al BIF&ST 2022.

Hill of vision
Hill of Vision

Hill of Vision

Hill of Vision è ambientato nell’Italia degli anni 40′ in piena Seconda Guerra Mondiale, e narra la storia di Mario (Lorenzo Ciamei) un bambino di 4 anni divenuto vagabondo dopo il rapimento della madre da parte del regime fascista per via della sua religione.

Con la liberazione dell’Italia Mario ritrova la madre e si trasferiscono in America, dove si inseriranno in una comunità quacchera, chiamata Hill of Vision.

Il trailer del film

Hill of vision: il racconto dell’incredibile storia di Mario Capecchi

Roberto Faenza torna a raccontare una storia vera, dopo il successo di La verità sta in cielo (2016) il film sul caso Emanuela Orlandi, e per farlo sceglie come soggetto l’incredibile vita del premio Nobel per la medicina del 2007 Mario Capecchi.

Il film ripercorre l’arco di tempo dell’infanzia travagliata che ha portato Mario poi ad intraprendere la carriera da premio Nobel, la pellicola è uno straordinario racconto di formazione di un bambino sopravvissuto agli orrori della guerra e alla completa solitudine.

Faenza si prende le sue libertà romanzando una storia già di per se fantastica, tirando fuori un film che prova a tutti gli effetti ad essere una favola drammatica con tinte reali, ma sempre con toni leggeri e piacevoli che stemperano l’orrore che ci fu realmente.

Il protagonista in una scena del film

La narrazione è poco omogena, pesante finché si rimane in Italia molto più scorrevole e interessante una volta approdati negli Stati Uniti, una scrittura molto altalenante come anche gli effetti VFX che troppo spesso lasciano a desiderare.

Se queste erano le criticità, c’è invece da fare un plauso a tutti gli interpreti, in particolare a Laura Haddock interprete della madre di Mario che ha fatto un lavoro eccellente portando su schermo una sofferenza sentita e al nostro Francesco Montanari.

Altra grande nota di merito la colonna sonora emozionante e coinvolgente di Andrea Guerra.

Le interviste di Antonella Molinaro ai protagonisti del film

Di seguito le interviste che la nostra Antonella ha fatto al protagonista Francesco Montanari e al regista Roberto Faenza e un estratto della serata di presentazione del film al BIF&ST 2022

Il regista Roberto Faenza

L’attore Francesco Montanari

La presentazione del film al BIF&ST

Le immagini della presentazione del film al BIF&ST 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×