Aggiornamenti settimanali: VIEW Award 2013, primo ciak per Milena Miconi, XV Sudestival, prime nominations agli Oscar, al cinema questa settimana

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Le festività natalizie vi hanno stancato? Il rientro al lavoro vi deprime? Leggete le nostre news e tutto cambierà! CINEMIO è sempre con voi!

VIEW Award 2013

 

 

 

Lo scorso ottobre dal 16 al 19 presso il Centro Congressi Torino Incontra si è svolta la VIEW Conference, la più importante manifestazione in Italia sulla Computer Grafica, Cinema digitale, Animazione 3D, Videogiochi, VFX e tecniche interattive. Quest’anno VIEW Conference è giunta alla sua tredicesima edizione e sono già aperte le iscrizioni per il VIEW Award 2013.

Lo scorso anno, il VIEW AWARD ha presentato al pubblico e all’industria del cinema animatori dall’eccezionale talento.

Dopo il successo internazionale delle passate edizioni, la competizione del 2013 si ingrandisce, aprendosi a nuovi temi, nuovi soggetti, e nuovi partecipanti.

Come è stato per gli ultimi anni, VIEW includerà lavori sia di studenti sia di professionisti, rendendo la competizione ancora più interessante.

Se hai realizzato, tra il 2011 e il 2013, un cortometraggio con animazioni 2D/3D o con effetti visivi, invia il tuo lavoro. Presentarsi è semplice: compila l’entry form e mandalo insieme alle tue creazioni!

Categorie del VIEW AWARD 2013:

Miglior Cortometraggio

Dedicato al miglior cortometraggio realizzato con animazione 2D o 3D o filmati live con l’integrazione di effetti visivi digitali. Motion capture data possono essere occasionalmente usati per l’animazione. I lavori verranno giudicati in base a criteri di eccellenza tecnica, originalità, creatività, design, ed estetica. La durata non deve superare i 30 minuti.

Miglior Design di un Ambiente

Dedicato al miglior ambiente (esterno o interno) creato con tecniche digitali: può essere interamente in 2D o 3D oppure una mescolanza di grafiche 2D/3D e tecniche di matte painting digitale. La modellazione 3D, il rendering, e il painting digitale possono venire realizzati con qualsivoglia software. Le realizzazioni verranno giudicate sulla base di criteri di eccellenza tecnica, originalità, creatività, e sulla base del valore estetico e architettonico.

Miglior Personaggio

Dedicato al miglior personaggio digitale realizzato per un cortometraggio o per un videogioco. Il personaggio può essere crato con qualsivoglia software di grafica 2D o 3D. Le realizzazioni saranno giudicate sulla base della qualità dell’immagine, del livello tecnico, dell’originalità, della creatività e della personalità del personaggio.

Migliori Effetti Visivi

Dedicato alla miglior sequenza di effetti visivi digitali usati in un’animazione di computer grafica o in un cortometraggio live-action. I VFX possono essere realizzati con qualunque software di grafica 3D e compositing. Le opere verranno giudicate sulla base di criteri di eccellenza tecnica, originalità, creatività, e coerenza con la struttura narrativa del cortometraggio.

Premi:

VIEW Award 2013: Primo premio: 2.000,00 €

Primo ciak per un’inedita Milena Miconi al cinema con Prima se il buio

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono iniziate  lunedì 7 gennaio, le riprese di Prima se il Buio, un film che vede protagonista un’inedita Milena Miconi nel drammatico ruolo di una segretaria e del suo difficile, controverso e ossessivo rapporto con uno scrittore di fama divenuto cieco. Tre settimane di riprese tra gli splendidi vicoli di Rieti, per una produzione Gika Production di Giangi Foschini. Nel cast Paolo Fosso, coprotagonista al fianco di Milena ed Erika Blank. A firmare la regia è Edoardo Margheriti, figlio dello storico regista Antonio Margheriti, celebre per essere stato uno dei primi e dei pochi registi italiani ad occuparsi di cinema di fantascienza.

4 Nomination per «Beasts of the Southern Wild» (in Italia “RE DELLA TERRA SELVAGGIA”)

 

 

 

 

 

«Beasts of the Southern Wild» («Re della terra selvaggia»): si aggiudica 4 Nomination agli Oscar: Miglior Film, Regia, Sceneggiatura, e Migliore Attrice Protagonista (Quvenzhané Wallis, che ha solo 9 anni e che ha incantato Obama). Il film più premiato al mondo del 2012 è il film rivelazione dell’anno a detta della stampa e del pubblico internazionale: definito da Time Magazine e Entertainment Weekly come uno dei Dieci Migliori film dell’anno, «Re della terra selvaggia» dopo l’America, sta conquistando l’Europa (in Francia è appena uscito come film di Natale con ottimi incassi e critiche straordinarie) e ora arriva in Italia.

Concorso per il logo del 16° Festival Inventa un Film

E’ aperto un concorso per realizzare il logo/disegno ufficiale del 16° Festival internazionale di cortometraggi Inventa un Film Lenola 2013, che avrà come tema “NEL CUORE”. Chi ha intenzione di realizzare il logo deve fare un disegno (dimensioni: altezza 21 cm , larghezza 10 cm) contenenti le diciture “NEL CUORE” e “16° FESTIVAL INVENTA UN FILM LENOLA 31 Luglio 4 Agosto 2013” ed inviarlo (in formato jpg) entro i 21 gennaio 2013 esclusivamente all’indirizzo inventaunfilm@tiscali.it .

In arrivo il XV Sudestival

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ai nastri di partenza la XIV edizione del Sudestival, importante vetrina del cinema nazionale d’autore che si svolgerà quest’anno dal 18 gennaio al 15 marzo.Organizzato dall’Associazione culturale Sguardi e diretto da Michele Suma, il Sudestival si è affermato negli anni come uno dei più importanti spazi di visibilità per prodotti di qualità caratterizzato dall’incontro con i protagonisti – autori, attori, sceneggiatori – imprescindibile momento che accompagna le proiezioni dei film, in anteprima o provenienti dai principali festival cinematografici internazionali.Privilegiando il rapporto con il pubblico ed i giovani, il Sudestival ha creato nel tempo una comunità di spettatori attenta, curiosa e competente che ogni anno si fa più numerosa (oltre 5000 le presenze della scorsa edizione).Confermata anche quest’anno la formula itinerante, che nel 2013 vedrà coinvolte le città di Monopoli (Cinema Vittoria) e Polignano a Mare (Cinema Vignola), da sempre attente alla proposta culturale del Sudestival.Evento speciale di apertura sarà giovedì 17 gennaio (alle ore 21 al Cinema Vignola di Polignano a Mare) “Imaginary movies. Somewhere between the smile and the tear”, un concerto jazz a cura dei musicisti Gianni Lenoci e Francesco Angiuli che proporranno interpretazioni di temi tratti da colonne sonore di celebri film americani.Oltre al film a sorpresa fuori concorso della serata inaugurale del 18 gennaio il Sudestival ospiterà quest’anno QUATTRO anteprime nazionali, TRE prime visioni per la Puglia e QUATTRO lungometraggi d’esordio, confermando nei criteri di selezione la politica volta a privilegiare e rendere visibile il cinema d’autore, indipendente e realizzato da giovani registi emergenti.OTTO i film presentati: L’arrivo di Wang dei Manetti Bros, Noi non siamo come James Bond di Mario Balsamo e Guido Gabrielli, Quell’estate di Guendalina Zampagni, Il richiamo di Stefano Pasetto, Sleepless di Maddalena De Panfilis, Transeuropae hotel di Luigi Cinque, Tutto parla di te di Alina Marazzi e Workers, pronti a tutto di Lorenzo Vignolo.Tra le tante novità, quest’anno prenderà il via SUDESTIVAL in CORTO, che affiancherà la tradizionale selezione di lungometraggi. Ogni proiezione del venerdì sera ospiterà infatti alle ore 20.30 un cortometraggio, per offrire al pubblico la visione dei corti sul grande schermo, come avviene in molti paesi europei e oltreoceano. Il cortometraggio, forma cinematografica breve praticata da molti cineasti famosi, è spesso anche il primo banco di prova per autori esordienti. Il Sudestival vuole così inaugurare quest’anno un momento d’intrattenimento di altissimo livello offrendo ulteriore spazio di visibilità ai registi emergentI.La programmazione dei corti sarà a cura di Bachi da Setola, Associazione culturale di Polignano a Mare che opera sul territorio dal 2005.Saranno proiettati: Andante mezzo forte di Annarita Zambrano, I fratelli semaforo di Simone Salvemini, Home di Francesco Filippi, La moglie di Andrea Zaccariello, Muto di Blu, Nuvole, mani di Simone Massi, Poveri Diavoli di Ahmed Hafiene (girato a Monopoli l’estate scorsa) e Without land in the desert di Donatello Conti e Fabrizio Baiocchi.Altro importante ingrediente dell’edizione 2013 saranno le LEZIONI su “I mestieri del cinema”, che si terranno per gli studenti del Liceo Classico “Morea” di Conversano e il Liceo Galilei di Monopoli, aperte anche agli studenti universitari grazie al patrocinio dell’Università degli Studi di Bari e tenute da “addetti ai lavori” con lo scopo di avvicinare i ragazzi alle diverse professionalità che animano l’universo cinematografico.L’attento e vivace pubblico del Sudestival decreterà i vincitori della XIV edizione.La giuria popolare assegnerà al miglior film il Premio Sguardi “Santa Teresa Resort”, consistente in una settimana di ospitalità presso l’omonima prestigiosa struttura per l’autore dell’opera vincitrice.Importante perno della manifestazione sarà la giuria giovani, composta da 200 studenti delle scuole superiori di Monopoli, che assegnerà il Premio ”D’Autore” Apulia Film Commission al miglior regista. Per il secondo anno consecutivo il film vincitore sarà infatti programmato per una settimana nelle sale del Circuito “D’Autore” della Regione Puglia.In collaborazione con l’Ambasciata Italiana di Washington Dc e l’Istituto Italiano di Cultura della medesima capitale, sarà realizzata la prima edizione del Sudestival in DC, dal 18 al 23 maggio 2013.In cantiere la data del 23 giugno 2013, dedicata alla Notte Bianca del Cinema Italiano presso il Parco Archeologico di Egnazia, durante la quale saranno anche premiati i film vincitori del Sudestival 2013.Le pellicole in concorso saranno proiettate con cadenza settimanale il venerdì, alle ore 18 al Cinema Vittoria di Monopoli e alle 21 nei cinema indicati dal programma.Il costo dell’ingresso a ogni singola proiezione sarà di € 4.00. E’ disponibile la Tessera del Sudestival, valida per tutte le 8 proiezioni del concorso, serale al costo di 24 euro, pomeridiana 18 euro. La prevendita avverrà presso la Libreria Mondadori Chiarito di Monopoli e presso il Cinema Vignola di Polignano a Mare, dove sarà anche possibile acquistare il catalogo del festival.

Due rassegne al cinema Lux di Roma da sabato 12 gennaio

 

 

 

 

 

 

Due sono le rassegne che si svolgeranno al cinema Lux di Roma. A partire da sabato 12 gennaio inizia “Cult and Brunch” la rassegna che propone la visione di Indimenticabili Cult Movie preceduti da brunch davvero speciali.
Partner della Rassegna la Casa Editrice Minimum Fax che propone un punto vendita di libri della collana “Cinema”.La rassegna “Cult and Brunch” è realizzata in collaborazione con Minerva Pictures. La seconda rassegna in partenza dal 14 gennaio p.v è “D.O.C. documentari di origine controllata”. Le proiezioni dei documentari si terranno di lunedì sempre al cinema Lux. Si tratta di un’accurata selezione di documentari italiani e stranieri, presentati e premiati nei più importanti festival internazionali. Partner della Rassegna, anche in questo caso la Casa Editrice Minimum Fax. Le proiezioni saranno precedute da una serie di degustazioni di vini e birre.

Hungarian Rhapsody dei Queen torna al cinema il 5 febbraio (distribuito da Microcinema)

Dopo il grande successo, il 5 febbraio 2013 (evento unico) torna al cinema HUNGARIAN RHAPSODY: QUEEN LIVE IN BUDAPEST, il film sul concerto (l’ultimo con Freddie Mercury) che i Queen hanno tenuto al Nepstadium di Budapest nel luglio del 1986, rimasterizzato in alta definizione e distribuito da Microcinema.

Il Conformista di Bertolucci nelle sale del circuito “D’autore”

 

 

 

 

 

A quarantatre anni dall’uscita nelle sale e dalla presentazione al Festival del cinema di Berlino, “Il conformista” di Bernardo Bertolucci torna al cinema nella versione restaurata curata dalla Cineteca di Bologna e dal gruppo editoriale Minerva Raro Video e trova casa nel Circuito D’Autore di Apulia Film Commission: il Piccolo di Bari Santo Spirito lo proietta infatti eccezionalmente e in esclusiva per il sud da giovedì 10 gennaio e fino a giovedì 17 (spettacoli alle 18.30 e alle 20.45, info su questo sito.Tratto dal romanzo di Alberto Moravia, indagine su quel “conformismo borghese” che ha caratterizzato l’Italia fascista, ma anche quella del secondo dopoguerra, il film aveva per protagonisti i giovani attori Jean Louis Trintignant, Stefania Sandrelli, Dominique Sanda e Gastone Moschin, laddove la fotografia venne affidata al genio poetico di Vittorio Storaro.

“Il 3D è il futuro, se avrò budget girerò altri film così”:così parlò Ang Lee

 

 

 

 

 

 

 

È il regista più “modesto” di Hollywood, umile, calmo e riservato, anche se la sua carriera parla da sola. Il suo ultimo capolavoro è Vita di Pi, blockbuster metafisico adattato dall’omonimo bestseller di Yann Martel: «Quando mi hanno proposto di dirigere il film ho pensato che un regista sano di mente non avrebbe mai potuto accettare un progetto ambizioso come questo. E ho detto sì…». Chi parla è Ang Lee intervistato da MAX, da giovedì 10 gennaio in edicola, su iPad e online.Racconta la sua ultima fatica e i dubbi che aveva sulle proprie capacità di dirigere un film filosofico in 3D: «Pensavo che il lato economico e quello artistico non avrebbero potuto convivere, che avrei dovuto compromettere il lato creativo della storia».Ma non si è dato per vinto: «Mi sono appassionato al lato umano del racconto, a come descrivere il fenomeno della fede. Il film è un viaggio epico, spirituale alla scoperta del senso della vita». Ang Lee è entusiasta del 3D: «È la sfida tecnologica del prossimo futuro», ammette: «Se mai avrò ancora un budget del genere girerò un altro film 3D, ne sono certo».

Grandi soddisfazioni per il primo evento cinematografico mai realizzato su una nave

Si è svolto con grande successo a bordo della Cruise Barcelona, ammiraglia della Crimaldi Lines, il “Social on the Sea to Barcelona”, primo evento cinematografico interamente realizzato a bordo di una nave.Quattro giorni di proiezioni cinematografiche ed incontri con i protagonisti organizzati all’interno del circuito del “Social World Film Festival”, la kermesse cinematografica dedicata al cinema sociale che ogni anno si svolge nella città di Vico Equense, prossimo appuntamento dal 1 al 9 giugno 2013.Documentari e film con ospiti di grande richiamo nonché la presentazione di un libro hanno fatto da richiamo ai numerosi croceristi presenti a bordo. Tra gli invitati il produttore Ciro Esposito e l’attrice Anna Falchi.

Incontro al Torino Film Festival di “Max” con il miglior attore e la migliore attrice 2012

 

Un Torino Film Festival da record quello del 2012: film di grande qualità, un incremento del 16% degli incassi… e due attori rivelazione, rappresentanti di due Cinema geograficamente e culturalmente lontanissimi tra loro. Europa e Asia Centrale, Germania (dal retrogusto turco) e Mongolia, unite per una notte sul palco di Torino per ricevere rispettivamente il “Premio per la miglior attrice” e quello per “il Miglior attore” anche quest’anno firmato MAX, che dedica ai due vincitori uno speciale sul numero da giovedì 10 gennaio in edicola, su iPad e online . Lei, la migliore tra le migliori, si chiama Aylin Tezel, ed è la protagonista di Der Hammel/Breaking Horizons di Pola Beck. 29 anni, turco-tedesca, a 15 anni faceva la ballerina e a 21 studiava all’Accademia di Arte Drammatica Ernst Busch («Mi sono innamorata del teatro per colpa dell’odore irresistibile che ha… ma la danza è la mia filosofia, anche quando recito. Come attrice devo sapere sfruttare ogni parte del mio corpo»). Nel film presentato al Torino Film Festival le sue capacità artistiche sono state messe alla prova con una delle scene più strazianti per una donna, l’abbraccio del proprio figlio nato morto: «È stata sicuramente la più difficile: ho chiesto a Pola di non provarla prima, di girare direttamente. L’emozione che ho provato con quel corpo tra le mani, così verosimile per peso e consistenza, è reale».
Rappresentante di un Cinema lontano migliaia di chilometri (e per la prima volta premiato alla kermesse), è invece Huntun Batu, trentatreenne interprete di Tabun Mahabuda/The First Aggregate. Parla solo mongolo e dalla Cina non è mai uscito, «A parte una volta, in Khazakistan, nel 2010. Ma vedere l’Italia non mi dispiacerebbe, certo che no». La sua è una carriera non cercataIl cinema non era tra i miei sogni, anzi. Sono sempre stato più interessato alle arti marziali») che l’ha visto trionfare con l’interpretazione di un ex stuntman in cerca di una rivincita professionale dopo un brutto infortunio. Un film fatto di silenzi, di pochi movimenti di macchina a segnare la precarietà della professione dell’attore. «Il soggetto mi è piaciuto subito, parlava di me. Nei film in cui ho recitato prima tutto era chiaro. Di questo non ho mai visto neanche il copione, a parte qualche scena. Recitare, senza nessuna parola scritta, non è mai stato più difficile» .Batu e Aylin, Germania e Mongolia, Europa e Asia… due Cinema differenti, con un unico denominatore comune: un premio, una carriera tutta da scrivere, MAX e tanta tanta bravura.

Davide Manuli lancia una campagna sulla rete per finanziare il  prossimo film con Abel Ferrara

Il regista Davide Manuli per finanziare il suo nuovo film con Abel Ferrara lancia una campagna di crowd funding attraverso la piattaforma digitale di Indiegogo. In questo modo Davide Manuli intende raccogliere fondi e auto-finanziare interamente il suo prossimo lungometraggio “Haiku” per il quale è stato già contrattualizzato Abel Ferrara nel ruolo del protagonista.Per la protagonista femminile dovrebbe essere confermata la giovane star serba Isidora Simijonovic che ha vinto Rotterdam quest’anno con il film “Klip”.La produzione vuole interamente auto-finanziare il film nell’arco del 2013 e dalla rete si attendono circa 100.000 euro. Deadline per il crowd funding il 30 marzo 2013.

 

Al Kino iscrizioni aperte ai workshop del Raindance festival  con il ‘guru’ del low e no budget cinema

 

 

 

 

Dal 23 al 27 gennaio 2013, il Kino ospita il Raindance Film Festival di Londra. Conosciuto in tutta Europa, il Raindance è – e non solo ironicamente, come si evince dal nome – la versione europea del Sundance di Robert Redford e arriva in Italia, dopo essere già da un anno sbarcato a Berlino al cinema Sputnik. Sinonimo di produzioni indipendenti, low budget, no budget, corti, lungometraggi e documentari, il Raindance è diventato la vetrina europea dei veri indipendenti, quelli che alle spalle, oltre a non avere un broadcaster, non hanno che gli amici – seppur bravi e talentuosi.L’apertura della rassegna, mercoledì 23 gennaio alle ore 18:30 è affidata a un evento gratuito, dal titolo 99 Minutes Film School, un incontro che, offrendo consigli e trucchi del mestiere, spiega le basi per fare un film, fino a fornire i mezzi indispensabili per lanciare un prodotto cinematografico. Da come trovare una sceneggiatura fattibile, al reperimento di cast e troupe, a come far vedere e circolare il vostro film, senza scordare l’uso dei social media per filmmakers. Quindi, in crescendo, come arrampicarsi sulla scala del successo, come distribuire un film e infine..come farsi pagare! A margine di questo primo incontro, i due workshop a pagamento (tutte le info sul sito).

I film della settimana

Poche ma buone le proposte cinematografiche in sala da ieri 10 gennaio: cominciamo dal film di fantascienza con Hally Berry Cloud Atlas: Azione, dramma, mistero e amore eterno si fondono in un’unica storia che procede attraverso epoche diverse nell’arco di cinquecento anni. I personaggi si incontrano e si riuniscono passando da una vita all’altra. Tornano Asterix e Obelix in Asterix e Obelix al servizio di Sua Maestà: 50 a.C.: Cesare è assetato di conquiste. Alla testa delle sue gloriose legioni decide allora di invadere un’isola collocata ai limiti del mondo conosciuto, un Paese misterioso chiamato Britannia: l’Inghilterra. La vittoria e` rapida e totale. Beh… quasi! Un piccolo villaggio riesce a resistere, ma le sue forze stanno per esaurirsi. Cordelia, Regina della Britannia, decide allora di inviare Beltorax, il suo ufficiale piu` fedele, in Gallia per chiedere aiuto ad un altro piccolo villaggio, noto per la sua tenace resistenza ai Romani. Quel che so sull’amore è il nuovo film a stelle e strisce di Gabriele Muccino: commedia romantica che racconta di un fascinoso ma sfortunato ex star del calcio che torna a casa per rimettere in piedi la sua vita. Ideale seguito de Il discorso del re, è il film con Bill Murray nel ruolo di Roosvelt, A royal weekend: la storia racconta la visita di Re Giorgio VI nel 1939 a Hyde Park, nella residenza della famiglia Roosevelt con sviluppi sia politici che privati. Ultima uscita l’italiano La scoperta dell’alba con la regia di Susanna Nicchiarelli: Roma, 1981: il Professor Mario Tessandori viene ucciso con sette colpi di rivoltella da due brigatisti, nel cortile dell’università e sotto gli occhi di tutti. Muore tra le braccia di Lucio Astengo, suo amico e collega. Poche settimane dopo, Lucio Astengo scompare nel nulla. Trent’anni dopo il destino ritorna…

 

L’anno 2013 promette bene vero lettori? E non dimenticate l’appuntamento con le news  di martedì 15 gennaio perché dalla prossima settimana riprendiamo con la programmazione abituale!

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×