Ava Gardner: Un’estate rovente con..le “cattive” di Hollywood..

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 2 2 Flares ×

La vita, le amicizie, gli amori di Ava Gardner, una delle indimenticabili star di Hollywood la cui bellezza ha fatto sognare il mondo intero.

C’era una volta una ragazza di campagna..

Ava Lavinia Gardner – questo il vero nome della diva hollywoodiana – ultima di sette figli, nasce il 24 dicembre 1922 nel paesino di Grabtown (North Carolina) da Jonas Bailey e Mary Elisabeth Gardner.

Prima di diventare la famosa attrice che tutti conosciamo, frequenta, alla fine degli anni Venti, l’Atlantic Christian College Wilson per esaudire il suo desiderio di divenire segretaria d’azienda.

ava gardner in una foto da giovane

Ma tutto cambia a causa di una fotografia.. e nuove strade si aprono per la ragazza di Grabtown. Infatti, suo cognato Larry Tarr le scatta una fotografia che poi espone nella vetrina del suo negozio..e immediatamente la bellezza di Ava non passa inosservata!!

L’arrivo a Hollywood e i grandi amori

Ava Gardner e Mickey Rooney

Da lì all’arrivo ad Hollywood il passo è davvero breve. Arriviamo così al 1942 quando  Ava Gardner sta per debuttare sul grande schermo con il film Maschere di lusso diretto da Robert Z. Leonard e conosce, così, un giovanissimo Mickey Rooney che sposa e la cui unione durerà solo un anno (la coppia, infatti, divorzierà nel 1943).

Il successo arriva, però, nel 1946 nel film I gangster diretto da Robert Siodmak dove al suo fianco recita un’altra giovane promessa di Hollywood: Burt Lancaster, cui segue l’anno successivo il film di Jack Convey dal titolo I trafficanti, dove la vediamo recitare accanto a Clark Gable.

Da questo momento la sua carriera è in perenne ascesa e la vediamo recitare in Le nevi del Kilimangiaro che Henry King dirige nel 1952, ne Il sole sorgerà ancora che lo stesso King dirige nel 1957. In questi stessi anni si consuma anche il secondo matrimonio di Ava Gardner che la vede legata al clarinettista Artie Shaw e che, anche questa volta, termina con un divorzio.

 Ma le difficoltà per la bella attrice non mancano: continua a studiare recitazione e dizione cercando, allo stesso tempo, di crearsi un bagaglio culturale e intellettuale di tutto rispetto ma non senza pochi sforzi.

Il matrimonio con Frank Sinatra e l’ascesa della sua carriera

Ava Gardner e Fran Sinatra

Ava Gardner e Frank Sinatra

Nonostante i gravi problemi sul lavoro Ava Gardner ritrova il suo equilibrio affettivo unendosi in matrimonio, nel 1951, con il famosissimo cantante e attore passato alla storia come The Voice: Frank Sinatra. I due attendono un figlio che però l’attrice perde durante le riprese del film Mogambo  che John Ford gira nel 1953 – e dove recitano anche il “ghiaccio bollente” più famoso della storia del Cinema Grace Kelly e, ancora una volta, Clark Gable (e per il quale la Gardner ottiene una Nomination all’Oscar)..

Voci di corridoio che, ben sapendo dell’unione turbolenta tra i due, insinuano che Ava Gardner abbia perso volontariamente la creatura che portava in grembo. Ma questo non basta a fermare l’attrice che, nel 1954, per prender parte al film La contessa scalza di Joseph L. Mankiewicz, non solo impara a ballare la tipica e tradizionale danza spagnola ma si innamora anche di Miguel Dominguin (futuro marito di Lucia Bosé) uno dei più famosi toreri dell’epoca.

Walter Chiari: Il nuovo amore di Ava Gardner

Ava Gardner e Walter Chiari

Nel frattempo, il matrimonio con Sinatra naufraga completamente e Ava Gardner, nel 1957, trova un nuovo amore in Walter Chiari all’epoca uno dei più grandi e quotati e popolari attori italiani nonché “papà” del famoso Sarchiapone!

 Dalla fine degli anni Conquanta la carriera di questa donna fatale e inquieta inizia a incamminarsi sull’implacabile “viale del tramonto”. Poche sono le sue interpretazione che valga la pena di ricordare.. forse tra quelle più significative è da annoverare la sua Maxine ne La notte dell’iguana, ultimo film ad essere diretto da John Huston, nel 1965 e tratto dall’omonimo testo teatrale di Tennessee Williams è dove la vediamo affiancata da una Deborah Kerr e da un Richard Burton in forma smagliante!

Il tramonto di una stella

Ormai sempre più dedita all’alcool Ava Gardner perde lo smalto della sua bellezza anche se il suo sguardo – anche se più spento – rimane sempre quello ammaliatore di un tempo fin quando decide di allontanarsi dalle scene e dai teatri di posa di quella Hollywood che l’ha vista crescere artisticamente e che ne ha creato quell’immagine da dea e da donna “bella e dannata”.

Si contano le sue ultime apparizioni..e forse quella che più vale la pena ricordare è quella in Cassandra Crossing diretto da George Pan Cosmatos, nel 1976, dove tra gli altri interpreti appaiono Sophia Loren, Richard Harris, Martin Sheen, Renzo Palmer, Alida Valli, Lee Strasberg e Burt Lancaster..

Ormai decisa a ritirarsi a vita privata si ritira in un appartamento a Londra dove, a causa di una polmonite, che aggrava il suo stato di salute già tanto precario, muore il 25 gennaio 1990.

TI è piaciuta questa biografia? Bene, allora ho da consigliarti un altra cattiva di Hollywood che non ha la stessa fama di Ava Gardner, ma di sicuro possiamo considerarla una diva ed una cattiva di Hollywood. Sai di chi sto parlando? Vogli invitarti a leggere la storia di Judith Anderson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 2 2 Flares ×