La memoria del cuore: la mente dimentica mentre il cuore…

1 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 1 1 Flares ×

È possibile innamorarsi ancora della stessa persona anche quando la mente ha totalmente dimenticato chi è? È il quesito alla base del “solito” film estivo che immerge il pubblico tra dramma e sentimento: dallo scorso 25 Luglio è al cinema La memoria del cuore.

Trama

I novelli sposi Leo (Channing Tatum; Knockout – La resa dei conti, G.I.Joe – La nascita dei cobra) e Paige (Rachel McAdams; Sherlock Holmes, Midnight in Paris) hanno un terribile incidente stradale a Chicago, la città in cui vivono.

Dopo essersi risvegliata dal coma, Paige si risveglia senza la memoria dei suoi anni vissuti col marito. Quest’ultimo, allora, cercherà di farla innamorare di lui una seconda volta malgrado la pressione dei genitori di tornare alla sua vita precedente.

Rivelazioni

Sono due le rivelazioni fondamentali di questo film che, nel suo piccolo, è riuscito comunque a distinguersi dalla massa. Partendo dal presupposto che nulla di originale si trova all’interno della storia, nulla che già non sia stato visto in passato per chi ama immergersi in questo genere di storie, la prima rivelazione è di certo un sorprendente Channing Tatum che è professionalmente cresciuto dopo essersi fatto conoscere con Step Up ed aver ottenuto buoni risultati recitativi con Dear John e 21 Jump Street, su generi opposti.

Qui diventa però la colonna portante del film, riuscendo a far commuovere e sorridere, riuscendo a dare uno spessore non indifferente al personaggio. Invece Rachel McAdams si conferma bravissima, oltre che bellissima, come sempre  (ha dato già prove del genere con Le pagine della nostra vita e Un’amore all’improvviso) e incantevole nei panni di Page riuscendo a creare un ottimo rapporto col collega Tatum.

Rivelazione è stato anche il film che in madrepatria ha superato i cento milioni di dollari (considerando però che uscì il giorno di San Valentino), confermando ancora le due star.

Opera seconda

Seconda pellicola del regista Michael Sucsy dopo Grey Gardens del 2009, qui riesce ad ottenere un’empatia alta tra il pubblico e i personaggi grazie anche all’ottimo lavoro del cast. Tutto questo sfruttando al meglio il romanticismo che la sceneggiatura trasuda, grazie al glamour dei due attori protagonisti e “usando” il meglio di una Chicago ora natalizia ora autunnale ma che sembra perfetto sfondo di questa storia tratta liberamente da una storia vera.

Trailer del film:

Crea un buon equilibrio tra dramma e sentimento, tra gag divertenti e momenti per intenerire. Forse talmente equilibrato e lucido che non riesce a donare al pubblico quella scena estrema, strappalacrime, che avrebbe potuto ricordare anche dopo aver lasciato la sala. Comunque rimane un buon film, con scelte di sceneggiatura più che condivisibili.

 

Tra la fotografia patinata e i dialoghi lucidi e romantici, il film si conferma un’ottima pellicola estiva adatta a tutti, non originale come storia ma dai dialoghi e dalle interpretazioni di certo da non sottovalutare.

Perfetta l’affinità tra i due protagonisti e malgrado la storia ricordi maggiormente Le pagine della nostra vita o 50 volte il primo bacio, vale la pena di essere visto. Magari con accanto qualcuno di speciale e un po’ di popcorn.

Alcune clip estratte dal film:

6 Comments

  1. Federico
  2. Gabriella
  3. Jade
  4. Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 1 1 Flares ×