Due piccoli italiani al BIF&ST 2018 – Parlano il regista Paolo Sassanelli ed i protagonisti

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Continuiamo lo speciale su Due piccoli italiani di Paolo Sassanelli lasciando la parola ai protagonisti che hanno presentato il film in anteprima a Bari al BIF&ST 2018. Presenti alla conferenza stampa il regista e protagonista Paolo Sassanelli e gli attori Francesco Colella, Rian Gerritsen, Marit Nissen e Totò Onnis insieme alla sceneggiatrice Chiara Balestrazzi ed al produttore Tommaso Arrighi.

Due piccoli italiani di Paolo Sassanelli

Marit Nissen, Francesco Colella, Paolo Sassanelli e Rian Gerritsen protagonisti di Due piccoli italiani

Paolo Sassanelli: un film fortemente voluto

In questo video Paolo Sassanelli parla di Due piccoli italiani, di quanto l’abbia fortemente voluto, delle riprese degli interni che sono state girate a Bari e l’emozione della presentazione del film in questa città, scelta che si è rivelata quella giusta

Due piccoli italiani – parlano i protagonisti

In questo video invece l’attore Francesco Colella racconta dell’incontro con il regista e del provino grazie al quale è stato scelto come protagonista e l’attrice svedese Rian Gerritsen parla dell’emozione di girare a Bari e dell’intesa con Francesco Colella nonostante lo scoglio della lingua

Nel video che segue invece Francesco Colella sottolinea l’importanza dell’accoglienza positiva del pubblico mentre Paolo Sassanelli ringrazia i musicisti che hanno composto la colonna sonora compresa la canzone L’amore che vien, l’amore che va che sembra una vera canzone anni ‘60

L’idea del film

Nonostante il film abbia come protagonisti due uomini però l’universo femminile è fondamentale sia sul piano reale che immaginario per questa ricerca della madre non conosciuta, forse inesistente. Come si scrive un film così? Paolo Sassanelli ha scritto il film insieme ad altri due sceneggiatori Francesco Apice e Chiara Balestrazzi

Chiara Balestrazzi: Siamo partiti in un modo e poi abbiamo fatto più di una stesura. Persino la location olandese l’abbiamo decisa alla fine.

In questo video la sceneggiatrice Chiara Balestrazzi parla del film e di come può essere interpretato mentre Paolo Sassanelli racconta la vita travagliata del film: le riprese a Bari per gli interni dell’Olanda, la gestione dei fondi e la scena finale per la quale hanno dovuto cercare una location in Islanda, giusta ma economica.

I ruoli minori: Marit Nissen e Totò Onnis che scherza sull’anonimato

A suo modo il film è un romanzo di formazione, in fondo sono due bambini un po’ invecchiati (non per colpa loro) che escono dalla loro infanzia ricongiungendosi con il mondo femminile. Anche la protagonista Anke è in realtà una bambinona a suo modo. L’unica adulta del film è il personaggio del capitano d’industria prostituta part time che è anche produttrice del film. In questo video Marit Nissen, che è anche compagna nella vita di Paolo Sassanelli racconta il suo personaggio, mentre Totò Onnis, che viene dal successo di un altro film piccolo ma interessante, Varichina, sorride sul concetto di attore minore

Totò Onnis: è divertente quando nessuno sa nulla di te, sul set i segretari di produzione non sanno chi sei, non capiscono se sei costume di scena oppure no. Ieri durante una conferenza l’attore Renato Carpentieri (che al BIF&ST 2018 ha vinto il premio Vittorio Gassman come migliore attore protagonista n.d.r.) stava sottolineando che ad 80 anni ha vinto il David di Donatello, quasi che si riconosca solo ora il talento di uno dei più grandi attori italiani. Ed una ragazza del pubblico, preoccupata per la sorte degli attori chiedeva come mai attori come Luigi Lo Cascio non lavorino tanto! Cioè… scherziamo? Non ha idea di quali sono gli attori che non lavorano!

Paolo Sassanelli: i protagonisti ‘bambini’ e l’idea del film

Paolo Sassanelli: la prima persona che ha usato la parola bambini è stato Fabio Ferzetti. Ed è vero: il lavoro che ho fatto è stato guardare molto i bambini, come si muovono, come si rapportano con gli adulti, quali sono le loro esigenze. Salvatore e felice sono due bambini, io ho 7 anni lui ne ha 11, però nel corpo di cinquantenni. E per questo hanno trovato una ragazza un po’ più grande, 13/14 anni, nel corpo di Rian.

In questo video Paolo Sassanelli risponde alla mia domanda su com’è nata l’idea del film. E conclude con un intervento finale di Totò Onnis

Due piccoli italiani su Facebook

Nei video che seguono la presentazione del film al BIF&ST 2108 ed il saluto a cinemio di Francesco Colella e Paolo Sassanelli

 

Guarda sulla pagina Facebook di Cinemio la carrellata di video del giorno 3 del BIF&ST 2018 di cui è stato protagonista anche il film Due piccoli italiani.

BIF&ST 2018 – le foto dei protagonisti

In questa galleria una carrellata di foto dei protagonisti del festival

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×