#RomaFF12 – Promised Land di Eugene Jarecki

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

#RomaFF12 – Presentato ieri nella Selezione Ufficiale della Festa del Cinema di Roma il documentario Promised Land diretto da Eugene Jarecki che pone un parallelismo tra la biografia del cantante e icona mondiale Elvis Presley e la storia americana, da Regan a Trump.

Promised Land

Non è mai semplice affrontare, dentro la forma di un documentario, la biografia di un personaggio più o meno noto senza incappare nei facili errori di una forma o di una struttura da già visto e che rende molti di questi prodotti simili e dimenticabili. Cosa che non accade in questo ottimo documentario del regista Jarecki, documentarista da vent’anni circa all’attivo, molto interessato alla situazione politica del suo paese e che affronta in modo lucido e quasi visionario una delle icone americane (e mondiali) per eccellenza, curandone gli aspetti dagli esordi sulla scena, all’ascesa e quindi sino alla caduta libera, esattamente di pari passo al percorso che l’America ha fatto in questi anni.

Promised Land

Promised Land

Interessante diventa quindi in tutto ciò la messa in scena: Jarecki affronta un viaggio per gli Stati Uniti, attraversando città e paesi alla guida della Rolls Royce acquistata da Elvis nel 1963 e dove si fa accompagnare da chi lo ha conosciuto, da chi lo ama e prova a seguirne le orme, da attori come Ethan Hawke e Alec Baldwin, un viaggio che è un lungo monologo riflessivo su come l’America strumentalizzi l’informazione, sulla corruzione di questo paese ma soprattutto sul famoso American Dream, che forse nasce davvero con Elvis e con lui muore.

Promised land – Il trailer

Promised Land è un film a tratti crepuscolare, quello che affronta Jarecki, dove non mancano le immagini di repertorio, gli aneddoti e i dietro le quinte che hanno fatto storia, un documentario ricco di musica e dove all’avanzare del viaggio si fa fronte sempre più ad una consapevolezza che nel suo terzo atto raggiunge un’apice di acume che rende il prodotto valido e ne giustifica anche i non facili 108 minuti di durata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×