Genitori e figli, un mega spot da urlo

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

E’ nelle sale da un bel pezzo e, pur avendo fatto di tutto per evitarlo, all’ultimo momento mi sono decisa a vedere “Genitori e figli: agitare bene prima dell’uso“, pellicola del toscano Giovanni Veronesi che ha la pretesa di indagare il complesso rapporto genitori – figli in questo terzo millennio. Dopo aver letto la presentazione che ne ha fatto Paola qualche settimana fa, senza troppe aspettative mi sono diretta verso il botteghino.

Il regista Giovanni Veronesi

Il regista Giovanni Veronesi

Un film tra spot e grida

La prima cosa che ho notato è il volume delle voci: il film è “urlato”, tutti gridano, per un motivo o per l’altro; magari questa enfasi è stata voluta dal regista, allo scopo di rimarcare i toni “alti” che caratterizzano il momento sociale del nostro Paese, ma tutto quel gridare dopo un po’ stanca.

I volumi sono associati a un turpiloquio alquanto seccante: tutti i protagonisti pronunciano una serie di “parolacce” degne del peggior scaricatore di porto (ammesso che gli scaricatori di porto siano effettivamente così rozzi); i dialoghi sono eccessivamente appesantiti dalla volgarità e il film, secondo me, ne esce penalizzato.

Un’altra nota dolente è lo “spiattellare” (letteralmente) in faccia allo spettatore i loghi pubblicitari; i film si sa sono tutti sponsorizzati, ma i loghi possono essere utilizzati in ben altro modo. Scarpe, zaini, underwear: potrei elencare a memoria le marche che continuamente appaiono sullo schermo, anche qui in maniera eccessiva.

cast

Il film secondo me non è riuscito nell’intento iniziale, rimane in superficie e risulta di bassa qualità, essendo inoltre intriso di stereotipi e di luoghi comuni. Nonostante il cast sia fatto di grandi nomi – compresa Piera degli Esposti nei panni dell’eccentrica nonna Lea, forse l’unica a riportare la pellicola su toni “umani” – la pellicola non mi ha affatto entusiasmato: la recitazione è di basso livello, non c’è ricerca nell’uso delle immagini e manca la profondità nei dialoghi.

La provocazione

Consiglio un confronto, che a molti potrà sembrare azzardato: dopo aver visto la pellicola di Veronesi, sedetevi di fronte a “Mine Vaganti” di Ozpetek (incentrato anch’esso sullo scontro generazionale) e poi fatemi sapere. Due modi diversi di fare cinema? Può darsi. Di sicuro, io preferisco il secondo.

4 Comments

  1. samuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×