I grandi caratteristi del Cinema italiano: Ave Ninchi

5 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 5 5 Flares ×
Ave Maria Ninchi, questo il vero nome dell’attrice che la madre le attribuisce dopo aver fatto un fioretto alla Madonna poiché rischiava di perderla prima della nascita, ha i natali ad Ancona il 14 dicembre 1915.
 

Ave Ninchi

 

Ancora piccolissima si trasferisce con i genitori, per motivi di lavoro, a Trieste dove il padre inizia a lavorare come impiegato presso un’agenzia assicurativa. Ma la condizione di famiglia benestante dura ben poco: a causa di investimenti sbagliati, infatti, la famiglia Ninchi si ritrova in gravi ristrettezze economiche e ritorna nella propria terra d’origine. Qui Ave, ormai adolescente, per essere di aiuto all’economia della famiglia lavora come impiegata in una società d’assicurazioni.

Ave Ninchi e Aldo Fabrizi in Emigrantes

Ma Ave non vuole rimanere un’impiegata anche perché imparentata con una delle famiglie più importanti del Teatro italiano e, nel 1935, viene ammessa all’Accademia d’Arte Drammatica e si trasferisce a Roma.

Al termine dei corsi viene ingaggiata dalla prestigiosa compagnia “BetroneCapodaglio Carini”: arrivano le prime soddisfazioni. Ed una più grande arriva quando viene ingaggiata per una lunga tournée nel Sud America. Finalmente i suoi sogni iniziano a realizzarsi.

Ma con il lavoro arriva anche l’amore. Infatti, sulla nave che deve portarla in America conosce quello che diverrà suo marito: Antonio Gianello.

 Nel 1945 è al fianco di Anna Magnani – di cui diverrà grande amica – nelle riviste Soffia so’ di Garinei e Giovannini, Cantachiaro e Cantachiaro n.2 di Italo De Tuddo, Garinei & Giovannini e Franco Monicelli.

 Ma in questi anni risale anche il suo debutto cinematografico avvenuto nel film Circo equestre Za bum accanto a quello che diverrà un suo inseparabile compagno d’Arte: Aldo Fabrizi. È subito successo! Da qui ha inizio la sua carriera cinematografica che l’ha vista impegnata a lungo accanto a grandi registi e attori..soprattutto al fianco di Aldo Fabrizi con il quale ci ha regalato le sue migliori interpretazioni.

 Tale era l’affiatamento e il feeling tra i due attori che in molti all’epoca li credevano sposati veramente!

Ave Ninchi e Aldo Fabrizi ne La famiglia Passaguai

Ma Ave Ninchi è stata anche una grande attrice drammatica: infatti, nel 1946, ottiene il Nastro d’Argento per la sua performance in Vivere in pace di Luigi Zampa e come non ricordare la sua interpretazione, accanto a Fabrizi qui anche regista, nel film Emigrantes (1948)?

Negli Anni Cinquanta torna al Teatro lavorando nei generi più disparati: recita in Un trapezio per Lisistrata e Un mandarino per Teo entrambi di Garinei e Giovannini; prende parte a un’edizione di Questa sera si recita a soggetto di Pirandello, La contessina Giulia di Strindberg e, nel 1965, torna a recitare con Anna Magnani ne La Lupa in un’edizione diretta da Franco Zeffirelli.

Ma anche la televisione la reclama: nel 1963 partecipa allo sceneggiato RAI Il mulino del Po di Sandro Bolchi. Nel 1971 presenta e prende parte assieme ad Aldo Fabrizi, Paolo Panelli e Bice Valeri al divertentissimo varietà di Antonello Falqui Speciale per noi e partecipa, sostituendo Delia Scala, al programma A tavola alle 7, dedicato alla cucina, affiancando il suo caro amico Luigi Veronelli.

La sigla di Speciale per noi

 Nel 1979 partecipa alla serie La vedova e il piedipiatti diretta da Mario Landi. E nel 1981 la RAI le dedica una puntata speciale dal titolo Buonasera con… Ave Ninchi dove l’attrice racconta dei suoi esordi e della sua carriera, un po’ come accadrà nel 1989 con le quattro puntate a lei dedicate Confidenzialmente Ave e prende parte al cast, alla fine degli anni Ottanta, al Sabato dello Zecchino.

 Tale è la sua importanza artistica che il 2 giugno 1980 viene nominata Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Rimasta vedova decide di trasferirsi definitivamente a Trieste dove, malata gravemente di diabete, muore il 10 novembre 1997.

 Tantissimi sono i film cui ha preso parte Ave Nichi. Marchigiana di nascita, naturalizzata triestina ma romana di adozione.. quando si vede Ave Ninchi si pensa immediatamente anche a Roma. Indimenticabili e divertentissimi sono le sue apparizioni accanto ad Aldo Fabrizi con il quale c’è un rapporto artistico perfettamente equilibrato.. chi dei due fa da spalla all’altro? È veramente un piacere guardarli e ammirarli.. come non ridere nel vederli marito e moglie ne la saga de La famiglia Passaguai che lo stesso Fabrizi dirige tra il 1951 e il 1952. Ad Ave Ninchi, proprio come accade in questi casi, viene quasi sempre affibbiato il ruolo della moglie (ingiustamente) gelosa e tanto rumorosa, della madre “eccessivamente” presente e sempre attenta alla tavola come in Domenica d’agosto di Luciano Emmer (1950). Eppure mai rimane antipatica riuscendo sempre a suscitare una profonda e incondizionata simpatia..come in Totò e le donne (1952) di Steno e Mario Monicelli, dove da carnefice, ai nostri occhi, diventa una vittima indifesa!

 In ogni film cui Ave Ninchi ha preso parte si vede e si sente la sua presenza così ilare.. non può passare inosservata e non si può non ridere grazie al suo inestimabile talento.. che le permette anche di spaziare nei tanti dialetti italiani: dal romanesco al siciliano passando per il fiorentino..

E tra i circa sessanta film che compongono la sua carriera non possiamo non ricordare, e suggerire di vedere, oltre ai titoli già citati: L’Onorevole Angelina (1947) al fianco di Anna Magnani e Nando Bruno; Il delitto di Giovanni Episcopo (1947) con di Alberto Lattuada con Aldo Fabrizi, Roldano Lupi, Nando Bruno, Alberto Sordi; Totò cerca moglie (1950) di Carlo Ludovico Bragaglia con Totò, Mario Castellani, Aroldo Tieri, Luigi Pavese; Guardie e Ladri (1951) di Mario Monicelli con Totò e Aldo Fabrizi; Papà diventa mamma (1952) di e con Aldo Fabrizi (qui formidabile!) e Carlo delle Piane, Luigi Pavese, Giovanna Ralli, Giancarlo Zarfati, Enrico Luzi; Totò cerca pace (1954) di Mario Mattòli con Totò, Isa Barzizza, Paolo Ferrari, Mario Castellani; Il bigamo (1955) di Luciano Emmer con Marcello Mastroianni, Vittorio De Sica, Franca Valeri, Memmo Carotenuto, Marisa Merlini, Giovanna Ralli, Salvo Randone; I prepotenti (1958) di Mario Amendola con Nino Taranto, Aldo Fabrizi, Rosita Pisano, Mario Riva; Le motorizzate (1963) di Marino Girolami con Totò, Walter ChiarI, Bice Valori, Corrado Mantoni, Raimondo Vianello, Sandra Mondaini, Valeria Fabrizi, Gianni Agus, Mario Castellani, Riccardo Billi, Anna Campori.

 

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 5 5 Flares ×