Aquaman – un tridente salverà il mondo

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

Uscirà nelle sala italiane il 1 gennaio 2019 Aquaman il film basato sulla serie a fumetti con Jason Momoa (per me sarà sempre Khal Drogo di Game of Thrones), Amber Heard e Nicole Kidman

Davanti a un film di superiori il pubblico generalmente si divide in 2: chi li ama e chi li odia. Poi ci sono tutte le scuole di pensiero del caso che danno vita a infinite discussioni sul tema: meglio il fumetto, no meglio il film, meglio il film ma l’attore no ecc ecc.

Aquaman

Aquaman

Aquaman

Aquaman, come appunto avrete ormai intuito, si basa sul fumetto della DC comics nato nel 1941. Nel fumetto, come anche nel film del resto, Aquaman è il difensore degli oceani. Poi a seconda della versione del fumetto le sue origini sono svariate. Ma, visto che noi parliamo del film, ci concentriamo sul film. Perché nei film dei supereroi va così, devi accettare e prendere per vero quello che ti propongono.

Ovvero, Aquaman può respirare sott’acqua, nuota come un razzo e ha la superforza, sono cose che si devono accettare senza fare domande. Il nostro Aquaman è figlio della regina di Atlantide e del guardino di un faro, viene cresciuto dal solo padre, visto che la madre, per salvarlo, decide di tornare ad Atlantide e sposare l’uomo a cui era stata promessa in sposa. E ripeto, ci sono cose che vanno accettate senza fare domande.

Senza chiedersi il perché la regina, dopo essere scappata e essere rimasta con il guardiano minimo 3 anni, all’improvviso viene assalita per essere riportata ad Atlantide. O perché la regina non dica tipo… bon Atlantide, mi state dando la caccia? Sai che c’è? Prendo figlio e guardiano e vado sull’Himalaia a vivere, dove il mare non si vede manco a piangere. No, lei decide di sacrificarsi, abbandonare il figlio e tornare a sposare il tizio da cui era scappata. Accettiamo e non facciamoci domande.

Aquaman – Il trailer

Il film in se ha una trama molto semplice, ma ci sta. Eroe reietto, deve tornare a casa per salvare il mondo, affronta il nemico, perde, trova un arma micidiale, affronta il nemico vince. Più o meno è questa la trama, con varie aggiunte ed effetti speciali molto fighi (a parte in alcuni punti dove proprio l’animazione si fa di un imbarazzante che mezza basta). Il vero problema è che Aquaman ha dei richiami impressionanti ad altri film. Vi faccio alcuni esempi.

In posizione n°1 troviamo Meda, la principessa sirena. Ora, vediamo tra quanti indizi ricollegate a quale personaggio è ispirato. E’ una sirena, è una principessa, ha i capelli rossi, è in dissenso con il padre. Non potete non pensare ad Ariel la Sirenetta, ma è talmente palese che io spero l’abbiano fatto apposta.

Posizione n°2 corse sui tetti stile Assassin’s Creed. Proprio stesso stile su e giù per i tetti dentro fuori le case.

Posizione n°3 immancabile fare il paragone con la spada nella roccia, anche se qui può essere vista come “il tridente dalle mani del morto”. Cioè anche il discorso “solo colui che sarà degno potrà prendere questo tridente” puzza un filo di copia palese

Posizione n°4, la mia preferita. Aquaman che prende il tridente in mano, ma sorpresa, il tridente in realtà è Celebro, la famosa macchina grazie a cui il Professor X è in grado di trovare tutti i mutanti della terra. Ma nella copia, ovviamente c’è la personalizzazione, non si trovano i mutanti, ma tutte le creature del mare. Con lo stesso identico tracciamento visivo eh. Sai mai che ci spostiamo troppo dall’originale.

Queste sono le principali, ma i richiami sono tanti, ma tanti. Ma lascio la voi il compito di trovarli.

Il film in sé regge, è un classico film di supereroi. Uno di quelli che devi vedere per continuità di specie. Non ci si annoia, tra combattimenti, ricerche di sacri tridenti e ritrovamenti familiari. Insomma, se siete appassionati della saga DC dovete vederlo.

P.s. dimenticavo di fare un piccolo commento sul cattivo del film. AHAHAHAHAAHAHAAH il cattivo talmente cattivo che nel film intero avrà in totale 15 minuti di spazio. Ed è un cattivo che Aquaman si fa proprio dal nulla. E se lo merita, perché si crea da solo un nemico giurato.

p.p.s. 2 io per tutto il film ogni volta che inquadravano il consigliere del re di Atlandide, pensavo al Gobblin. E nella mia visione personale dei film con supereroi ecc, va così: se fai il Gobblin in spiderman, nei fumetti sarai sempre il Gobblin di Spiderman. non puoi fare altri ruoli. Non puoi. Così come se fai Acquaman, non puoi fare anche Hulk o Spiderman. Nei film tratti dai fumetti, un ruolo è per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×