Speciale BIF&ST 2016: Veloce come il vento – Parlano i protagonisti

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×

E’ in questi giorni nelle nostre sale e sta ottenendo un ottimo successo Veloce come il vento, il film di Matteo Rovere con Stefano Accorsi e la giovanissima esordiente Matilda De Angelis. Il film è stato presentato in anteprima al BIF&ST 2016 e dopo aver letto la recensione, in quest’articolo abbiamo la possibilità di ascoltare le voci dei protagonisti.

Veloce come il vento

Stefano Accorsi, Matteo Rovere, Matilda De Angelis e Domenico Procacci

Veloce come il vento: la preparazione fisica

In questo video Matilda De Angelis e Stefano Accorsi parlano di come si sono preparati fisicamente alle riprese, aspetto molto importante in questo film nel quale i due protagonisti hanno dovuto anche imparare a guidare macchine da rally. Inoltre Matilda De Angelis, bellissima in una mise completamente diversa da quelle in cui abbiamo potuto vederla nel film, racconta come in realtà ama vestirsi:

I protagonisti del film e l’importanza della qualità dei registi

In questo video il regista Matteo Rovere parla della scelta dei due protagonisti. Successivamente Stefano Accorsi parla di Carlo Capone, pilota di rally italiano a cui è ispirato il suo personaggio e fa un riferimento anche a Marcello Mastroianni, cui è dedicato il BIF&ST 2016, sottolineando come lui scegliesse i film in base alla qualità del regista, aspetto molto importante in un film

Matteo Rovere: racconto la mia terra e l’amore per il proprio lavoro

Il regista Matteo Rovere parla di come è arrivato alla storia, impregnata delle sue origini:

Matteo Rovere: I miei nonni sono di Imola e quindi nel mio film c’è un po’ questa caratteristica geografica che si porta dietro quel mondo, quello dei rally e delle corse. Non vorrei essere un po’ retorico ma c’è una grande ipocrisia dietro il lavoro che tante persone fanno in generale, l’abnegazione, la passione che si dedica in modo ossessivo e con grande qualità a qualcosa: in questo caso i meccanici ad esempio che preparano macchine come fossero operazioni a cuore aperto che sentono il suono di un motore e lo riconoscono, fanno un lavoro bellissimo non sempre apprezzato a dovere.

Tutto quello che è così empatizzante ed emozionante a me restituisce tanto di racconto cinematografico quindi in quell’universo mi sono divertito a cercare quelle storie che in qualche modo creassero un ponte per lo spettatore per comprendere l’emozione che io stesso insieme agli sceneggiatori ho vissuto nell’approfondire questa ricerca.

 

Veloce come il vento: le foto dei protagonisti

Ecco una carrellata di foto dei protagonisti al festival

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 0 Flares ×